Martedi, 17 Ottobre 2017

Back ECONOMIA Categorie Politica e Società

Politica

Il Pil Pro Capite Italiano Torna ai Livelli Del 1997

Pil pro capite, consumi, recessione, regioni ItalianeIn nessuna regione italiana i livelli di valore aggiunto pro capite nel 2013 torneranno a quelli di prima della crisi (2007). In quattro regioni ( Piemonte, Val d’Aosta, Emilia Romagna e Umbria) il balzo all'indietro di questi anni di recessione è stato così critico che nel prossimo anno non riusciranno nemmeno ad eguagliare i livelli del 1995. È questa la lapidaria immagine che esce dal rapporto sulle “Economie Territoriali e il Terziario di MercatoEconomie Territoriali e il Terziario di Mercato” realizzato da Confcommercio.
Il rapporto nel fare le sue previsioni non tiene conto dell'ipotesi che l'Italia esca dal sistema dell'euro, né che vi esca nessun altro Paese, in nessun modo (è esclusa perciò l'ipotesi di un default pilotato). In ogni caso la caduta del Pil quest'anno sarà del 2,2%, con una contrazione forte dei consumi (-2,8%) e degli investimenti (-6,5%), mentre la previsione di crescita zero per il 2013, viene corretta in un decremento del valore dello 0,3%. 

Add a comment

Meritocrazia: Perchè Manca in Italia

meritocrazia, raccomandazione, ItaliaGiuseppe De Rita, presidente del Censis, ha rilasciato di recente una lunga intervista al settimanale Espresso in cui ha esposto una riflessione circa la mancanza di meritocrazia in Italia. Una riflessione che si è rivelata, in vero, davvero impietosa.
Giuseppe De Rita ha le idee chiare, anche se sono idee complicate, che parlano della matrice culturale del Bel Paese e di come essa si declina nelle forme imposte dall’attuale periodo di crisi.
La tesi è questa: i problemi dell’Italia derivano dalla scarsa meritocrazia, che impedisce al sistema economico e, più in generale, al sistema paese di crescere in produttività ed efficienza. La scarsa meritocrazia ha origini nella cultura italiana, dunque nelle pratiche del familismo e del clientelismo, ma anche in certe politiche degli anni Settanta che hanno aumentato a dismisura il ceto medio.  

Add a comment

Bufala Hollande: a Rischio la Credibilità Del Web?

hollande, bufale, webIl web ha rivoluzionato il mondo dell’informazione. L’ha resa più libera e più accessibile a tutti. Le bufale, però, trovano lo stesso spazio di una volta; anzi: forse ne trovano di più. La dimostrazione è stata fornita, di recente, dal caso ‘Hollande’. Su Facebook, nel giro di poche ore, si è diffusa a macchia d’olio una lista di misure apportate dal presidente francese in soli 56 giorni di governo. Una lista delle meraviglie: auto blu azzerate, stipendi dei politici ridotti, apertura di scuole e di asili nido, creazione di 60.000 posti di lavoro per giovani laureati, riduzione dei finanziamenti agli istituti religiosi e altro ancora. Una lista, insomma, tale da far vergognare tanto il governo Monti quanto i leader del centro sinistra e della sinistra, rei di non aver avanzato la benché misera proposta di programma. L’indignazione per il nostro orticello è rapidamente montata di fronte alla consapevolezza che l’orticello francese fosse più bello del nostro, e anche di molto.  

Add a comment

Gli Immigrati Sono Discriminati in Italia, Specie su Casa e Lavoro

immigrati, lavoro, discriminazione, accesso alla casaIn Italia gli immigrati sono discriminati e a dirlo sono proprio gli italiani. Secondo, un'indagine Istat, infatti, il 59,5% dei cittadini italiani afferma che gli immigrati sono trattati meno bene dei nostri connazionali e solo il 13,4% del campione ritiene che la popolazione straniera non sia oggetto di comportamenti discriminatori.
Una situazione discriminatoria che però per un terzo dei cittadini è migliorata rispetto a cinque anni fa, anche se un quarto del campione la ritiene peggiorata. Più di 4 italiani su 10 ritengono invece che non vi siano stati significativi mutamenti rispetto al passato.
Le discriminazioni maggiori avvengono sul campo lavorativo dove gli immigrati hanno meno opportunità di trovare lavoro, a parità di capacità e titoli (la pensa così il 70,2% degli italiani) e hanno meno chance di ottenere un promozione (69%). Altro campo in cui gli immigrati sono discriminati è l'accesso alla casa, specie quanto si tratta di trovare un alloggio in affitto, secondo il 68,7% degli intervistati.  

Add a comment

Il Mercato Della Bellezza in Italia Vale 74 Miliardi di Euro

mercato della bellezza, moda, fashion L'arma in più per l'Italia per uscire dalla crisi è la bellezza e la cultura del nostro Paese. Il 41,3% degli italiani, infatti, secondo una ricerca promossa dalla Fondazione Marilena Ferrari, ritiene il fatto di essere il Paese più bello del mondo, il principale motivo di speranza per l'Italia. A conferma di questa sensazione ci sono anche i numeri, con il mercato della bellezza made in Italy che genera un valore aggiunto di 74 miliardi di euro, pari al 5,4% del Pil (nel 2011). Una ricchezza che però sta perdendo terreno sul fronte industriale, tanto che in 10 anni il valore aggiunto è calato di quasi 8 miliardi (nel 2000 era pari a 82 miliardi, (il 6,1% del Pil di allora). Questo perchè abbiamo perso quote nel mercato dell'abbigliamento (-1,5%), in quello tessile (-2,2%), nelle calzature (-4%).

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Assicurazioni

assicurazioni

Energia

energia

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed