Lunedi, 20 Novembre 2017

Back ECONOMIA Categorie Politica e Società

Politica

Rete Stradale: la Velocità Media Nei Centri Urbani è Quella di Fine '700

traffico, infrastrutture, rete stradaleLa situazione dei trasporti in Italia si configura come molto problematica non solo per ragioni storico-geografiche ma anche per errate decisioni politiche ed economiche. Basti pensare che la mancanza di investimenti in infrastrutture ha fatto si che oggi la velocità media nei maggiori centri urbani italiani sia simile a quella raggiunta a fine '700, ovvero intorno ai 15 km/h che diventano 7/8 nelle ore di punta. Il dato è stato calcolato dall'Ufficio Studi di Confcommercio e inserito nel Libro Bianco sui Trasporti e le InfrastruttureLibro Bianco sui Trasporti e le Infrastrutture.
Tutto ciò non si traduce solamente in disagi e congestione dei trasporti ma ha anche un rilevante peso nell'economia del Paese. Infatti se nel decennio 2001-2010, l'Italia avesse attuato politiche di miglioramento dell'accessibilità stradale, tali da allinearci al livello della Germania, avremmo avuto un miglioramento del Pil pari a 142 miliardi di euro.

Add a comment

Pareggio di Bilancio: Necessaria un'Altra Manovra

pareggio di bilancio, manovra correttiva, Pil, Abbiamo visto ieri che l'Italia potrebbe riuscire ad ottenere una deroga dal fiscal compact per poter effettuare investimenti nella Banda Larga, impegnandosi comunque a raggiungere il pareggio di bilancio, un obiettivo che sta diventando sempre più un incubo per il nostro Paese. La Commissione Europea ha spiegato oggi che l'obiettivo è fattibile per l'Italia, ma sarà necessaria una nuova Manovra correttiva. Una notizia che arriva un po' come una doccia gelata, considerando che il Governo ha sempre escluso questa necessità e che conferma che nemmeno l'aumento dell'Iva al 23% potrà salvarci da una nuova manovra. Da Bruxelles fanno sapere che si renderà necessario un aggiustamento di oltre mezzo punto percentuale di Pil. Infatti è previsto un deficit di bilancio del 2% per quest'anno e dell'1,1% nel 2013 (ricordiamo che il pareggio tecnico a cui punta l'Italia si raggiunge con lo 0,5%).

Add a comment

Più Della Metà Degli Italiani Si Considera Nella Classe Sociale Medio Bassa

classe sociale, situazione economica, lavoroLa crisi ha avuto e sta avendo pesanti ripercussioni su lavoro, famiglia e sulla percezione che i cittadini hanno della propria situazione economica. A fare il punto della situazione ci ha pensato l'Osservatorio Capitale Sociale di Demos-Coop sul lavoro e la condizione economica, secondo cui dal 2006 ad oggi è poco meno che raddoppiata la percentuale di italiani che sostiene di appartenere ad una classe sociale bassa o medio bassa. Oggi più della metà degli italiani si considera nella classe sociale medio bassa (il 53,1% contro il 28,2% di 6 anni fa). Nello stesso arco di tempo, la percentuale di chi appartiene alla classe media si è ridotta dal 59,5% al 40,3%, così come si è quai dimezzata quella relativa a chi appartiene alla classe sociale alta o media alta ( da 11,7% a 6,3%).

Add a comment

Recessione: in Picchiata PIL, Lavoro, Consumi ed Investimenti

recessione, PIL, lavoro, consumiAbbiamo visto come secondo Il Def il Pil calerà quest'anno del 1,2% per poi crescere dello 0,5% il prossimo anno, mentre il Fondo Monetario Internazionale ha previsto una diminuzione del Pil per entrambi gli anni e pari rispettivamente a -1,9% e a -0,3%. Anche Unioncamere ha pubblicato le proprie stime sul Pil e sull'economia in generale prevedendo un calo dell'1,5% per quest'anno ed una crescita dello 0,8% nel 2013. Per l'Unione Italiana delle Camere di Commercio sarà soprattutto il Mezzogiorno a pagare il conto più salato in termini di mancata crescita, con una contrazione del Pil dell'1,8%, contro il -1,5% del Centro Italia (pari alla media nazionale) e il -1,4% e -1,3% di Nord-Ovest e Nord-Est. Le regioni che registreranno una contrazione più bassa sono Trentino Alto Adige (-1,1%), Valle d'Aosta (-1,2%) e Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna (entrambe a -1,3%), mentre quelle con la dinamica peggiore risulteranno essere Abruzzo, Molise e Basilicata (tutte con una contrazione del Pil del 2%).  

Add a comment

Lotta Alla Corruzione: Strumenti Scarsi o Non Applicati

corruzione, politica, comunicazioneIl Centro di ricerca RiSSC, con sede a Vicenza, ha raccolto nel Rapporto Nis Italia (Sistemi d’Integrità Nazionale), i dati relativi agli strumenti attuati o attuabili nel nostro Paese per la lotta alla corruzione. Il documento, facente parte di uno studio internazionale finanziato dalla Commissione Europea, è stato di recente presentato dal Transparency International di Berlino.
Che la corruzione sia un fenomeno criminale rilevante nel nostro Paese e costituisca un freno per la crescita economica e sociale non è certamente una novità ma il Rapporto affronta la tematica da un punto di vista diverso concentrandosi sull’esistenza e l’efficacia di leggi promotrici della trasparenza in ambito sia pubblico che privato e sull’applicabilità di strumenti per la lotta alla corruzione. In Italia questi strumenti sono scarsi o non applicati.  

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Assicurazioni

assicurazioni

Energia

energia

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed