Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back CREDITO Categorie Prestiti Bce: Rallentano i Prestiti ad Imprese e Famiglie

Bce: Rallentano i Prestiti ad Imprese e Famiglie


prestiti, imprese, Bce

L’ultimo bollettino della Banca Centrale Europea disegna un quadro sconfortante dell’accesso al credito per famiglie e imprese. In buona sostanza, le banche non prestano denaro come dovrebbero. Ciò si traduce in un freno per l’intero sistema economico italiano: senza liquidità le imprese non possono sopravvivere e creare occupazione; senza denaro le famiglie non possono progettare e, di conseguenza, non possono spendere.
Per carità, ancora non si parla di decremento del volume di prestiti. Una simile notizia sarebbe alquanto disastrosa. Semplicemente – ma basta solo questo – è diminuito il tasso di crescita dei prestiti. Insomma, siamo in presenza non di una diminuzione ma di un rallentamento.
In particolare, il tasso di crescita è passato dal +1,7% di gennaio al +1,3% di febbraio. Questo dato è frutto di due statistiche diverse, ossia quelle relativi ai prestiti alle imprese e quelle relative ai prestiti alle famiglie.  

A passarsela peggio sono le imprese (non finanziarie si intende): il primo mese dell’anno ha fatto segnare un +1,4% mentre il secondo mese ha fatto segnare +0,9%. Va leggermente meglio per le famiglie: da +3,1% si è passati infatti al +2,7%.
Da cosa è determinata questa difficoltà, o reticenza, ad erogare prestiti?

Lo ha spiegato il presidente dell’Abi, Giuseppe Mussari nel corso di un’audizione parlamentare tenutasi ai primi di aprile. Le cause, secondo il dirigente, vanno rintracciate nell’inaridimento dei classici canali di ‘approvvigionamento’ delle banche. Il discorso è sempre lo stesso: la crisi economica (e finanziaria). La gente mette sempre meno denaro in banca (primo canale) e allo stesso modo anche dall’estero (secondo canale) arriva meno denaro. La pressione sui titoli di Stato – in poche parole l’alto livello di spread – genera una pressione anche sui titoli degli istituti di credito, che dunque non riescono a saziare la loro fame di liquidità.
L’allarme liquidità per le banche, però, era stato lanciato già negli ultimi mesi dell’anno. L’appello era stato recepito dal Mario Draghi che aveva stanziato una cifra enorme, 500 miliardi, per ‘abbeverare’ l’apparentemente rinsecchita pianta delle banche. L’intenzione di fondo era agevolare l’accesso al credito per gli attori economici. Invece siamo ancora punto e a capo: con le banche che non erogano prestiti come dovrebbero.
La questione fa evincere un comportamento da ‘prendi i soldi e scappa’. Sarà vero? Probabile, come è altrettanto probabile che gli istituti con delle responsabilità su questo fronte prima o poi verranno allo scoperto. Anzi, lo stanno già facendo, involontariamente ovvio. Uno di questi è l’Unicredit, destinatario, come altri del resto, del generoso regalo della Bce. Secondo l’ Espresso, l’Unicredit sarebbe una di quelle banche abituate a “prendere in prestito a interesse basso e investire su titoli a tassi più alti, lucrando sulla differenza”.
 
Valore Conto 468 x 60
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed