Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back CREDITO Categorie Prestiti Imprese: Diminuiscono i Finanziamenti Erogati e Si Alzano i Tassi di Interesse

Imprese: Diminuiscono i Finanziamenti Erogati e Si Alzano i Tassi di Interesse


imprese, finanziamenti, tassi di interesse, costo del denaro

Il credito per le imprese italiane è sempre più razionato e costoso. A sostenerlo è un rapporto di Confartigianato, secondo cui, tra novembre dello scorso anno e aprile i finanziamenti alle imprese sono diminuiti di 26.750 milioni, ovvero del 2,6%.
Ma il clima di stretta del credito si accompagna anche ad un aumento dei tassi di interesse sui finanziamenti, con il tasso medio che si attesta al 3,68%, ma sale fino al 4,73% per i prestiti fino ad 1 milione di euro e arriva al 5,15% per i prestiti fino a 250 mila euro. Ciò porta l'Italia ad essere il secondo Paese in Europa, dietro solo alla Spagna, per quanto riguarda i tassi di interesse più alti. Mentre sul fronte dell'aumento dei tassi, con 68 punti base nel periodo considerato, risultiamo primi in assoluto.
Come spesso accade ad essere penalizzate sono soprattutto le piccole imprese, che pur costituendo l'ossatura portante del Paese, sono anche quelle che possono offrire meno garanzie.

Secondo Confartigianato, infatti, da dicembre 2010 a marzo 2012, le piccole imprese hanno visto diminuire i finanziamenti del 4% e aumentare i tassi di interesse sui prestiti di 223 punti base in più rispetto a quelli richiesti alle aziende medio grandi. Per le imprese con meno di 20 addetti, la crescita dei tassi di interesse nell'ultimo anno è stata di 139 punti base. A livello territoriale la situazione più critica si registra in Calabria, dove le piccole imprese pagano i tassi più alti d'Italia, pari al 10,39%. Segue a ruota la Campania con il 10% e la Liguria con il 9,85%.

I tassi più bassi per le piccole imprese, invece, si registrano nelle Provincie Autonome di Bolzano e Trento, rispettivamente pari al 5,99% e al 6,19% e in Emilia Romagna (7,76%).
A livello provinciale, il denaro è più caro per le imprese di Caltanissetta dove i tassi di interesse sono pari al 7,77%, con un aumento tra il 2010 e il 2011 di 249 punti base. Segue Crotone con tassi del 7,02% e un aumento di 66 punti base in un anno e Agrigento con tassi del 6,79%, in crescita di 176 punti base in un anno. Dall'altra parte i tassi di interessi più bassi per le imprese si registrano a Bolzano con il 3,8%, in crescita comunque di 109 punti base in un anno, seguita da Forli e Cesena, entrambe con tassi del 4,24% (+117 punti base) e da Parma con tassi del 4,24% (+101 punti base).
Il Sud insomma sembra quello più in difficoltà per quanto riguarda il costo del denaro, tanto che a Caltanissetta il credito per un'impresa costa il doppio rispetto a Bolzano, con uno spread di 397 punti base.
L'analisi dello spread tra i tassi di interesse pagati dalle piccole imprese e quelli pagati da quelle medio- grandi vede in testa la Liguria con 326 punti base, seguita dalla Valle d'Aosta (313 punti base) e dal Piemonte (209 punti base). Le differenze minori si registrano invece in Molise (41 punti), nella Provincia Autonoma di Bolzano (136 punti) e nel Lazio (140 punti base).
468x60_spesa
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed