Lunedi, 22 Gennaio 2018

Solare

PROGETTI DI EFFICIENZA ENERGETICA: LA GESTIONE FUNZIONALE DELLA LUCE SOLARE IN CASA O IN UFFICIO

solare | Page 5

solarmodulepulsar.gifCome anticipato nel precedente articoloprecedente articolo vogliamo dedicare il giorno di Pasquetta, tradizionalmente votato alla gita fuori porta, all'ambiente ed in particolare a quelle soluzioni che potrebbero permetterci di ridurre i consumi di energia elettrica e le emissioni di co2. Tema principale di questo articolo è la casa e nello specifico la gestione efficiente della luce solare attraverso le finestre.



LA PIASTRELLA FOTOELETTRICA
Il primo progetto che segnaliamo si colloca a metà tra un oggetto di design puro e un gadget in grado di farci risparmiare energia elettrica. Si tratta del Solar Module della PulsarPulsar, sviluppato dagli italianissimi fratelli VinacciaVinaccia, una piastrella d'arredo (15 cmx15 cm)dotata di una cella fotoelettrica e di un modulo illuminante. Il solar module va posto in prossimità delle finestre e durante il giorno svolge la funzione di arredo e protegge gli ambienti dalla luce, mentre di sera restituisce alla casa l'energia acquisita durante il giorno, fornendo luce. In questo modo è possibile illuminare (quantomeno parzialmente) l'ambiente senza utilizzare energia elettrica.


LE TENDE SOLARI
La designer danese Astrid Krogh ha sviluppato delle particolari tende (SunTiles) dotate di moduli fotovoltaici. Queste tende oltre ad offrire un ottimo isolamento dalla luce e dal calore (nei mesi più caldi) permettono di immagazzinare e restituire energia elettrica. L'obiettivo di queste tende è dunque quello di contribuire alla riduzione dei consumi elettrici, sia direttamente, “producendo energia” dai raggi solari, sia permettendo all'ambiente di rimanere più fresco e quindi diminuendo i consumi elettrici di eventuali condizionatori. Il sitosito della designer è in danese per cui non molto intellegibile, tuttavia il prodotto presentato alla Copenaghen Design Week sembra molto interessante.

Add a comment

I MATTONI, LA PORTA E IL GEL FOTOVOLTAICO

intellux.gifChe il fotovoltaico sia una realtà e non solamente una scommessa nel campo delle soluzioni energetiche è oramai un fatto acquisito. Quasi quotidianamente assistiamo, infatti, a nuovi risultati positivi nella ricerca della maggior efficienza dei moduli fotovoltaici, ad annunci sulla costruzione di nuove centrali fotovoltaiche e alla presentazione di continue e più sofisticate applicazioni basate sull'energia solare. Uno dei campi in cui più si fa forte la presenza del fotovoltaico è la bioedilizia, ambiente ideale per la proliferazione di soluzione orientate all'efficienza energetica e al contenimento dell'impatto ambientale. Ed è proprio di soluzioni per la bioedilizia che voglio parlare oggi, segnalando i mattoni fotovoltaici, la porta fotovoltaica e il gel fotovoltaico per le finestre. I mattoni fotovoltaici sono una nuova linea di illuminazione a basso impatto, pensati e sviluppati dall'azienda texana Sunrise Solar. Questi mattoni (Solar Bricks) sono caratterizzati da tre elementi fondamentali, un sistema di illuminazione a led e cristalli moltiplicatori di luce, un dispositivo di immagazzinamento dell'energia e alcune celle fotovoltaiche in silicio cristallino.

Add a comment

NUOVI RECORD PER IL FOTOVOLTAICO AD AGOSTO

fotovoltaicoregionale.gifE' passato solo un mese da quanto il sito del GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) ha annunciato il superamento della quota storica di 150 Mw di potenza fotovoltaica installata sul territorio  nazionale, ma è proprio in questo assolato mese di Agosto che si è registrata una performance di crescita record. Dai 150 mw registrati si è passati  velocemente a circa 171.76 Mw (al momento in cui scriviamo l'articolo), con una crescita di ben 21 Mw di potenza installata su 1965 nuovi impianti. I dati relativi al 2008 rivelano una vero e proprio boom di popolarità per il fotovoltaico,  con 7459 nuovi impianti installati per una potenza totale di 91.4 Mw, dati molto positivi che porteranno molto probabilmente a doppiare i risultati raggiunti nel  2007  (70  MW in funzione, per 6.264 impianti). Insomma, sebbene Spagna e Germania continuino a viaggiare a doppia velocità rispetto a noi, il trend del fotovoltaico continua a volare verso l'alto, complice la bontà del nuovo Conto Energia e il supporto offerto dagli istituti di credito, che, superate le diffidenze, offrono diverse soluzioni per chi vuole ricoprire il proprio tetto con moduli fotovoltaici.

Add a comment

RAPPORTO ENERGIE RINNOVABILI: UNA CORSA SENZA PILOTA

energie rinnobabili rapporto.gifIl Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) ha presentato oggi, giovedì 24 luglio, il rapporto 2007 sulle energie rinnovabili 2007. I dati non sono, in vero, molto incoraggianti, sia in riferimento a quanto stanno facendo altri paesi europei sia considerando gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 e il traguardo del 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili entro il 2020. La semplice analisi dei dati statistici relativi al nostro Paese offre però numerosi spunti positivi come la crescita del 35,8% dell'eolico (dato produzione lorda) nel 2007, rispetto al 2006, oppure il raggiungimento della quota di 150 MW (150,938 MW per la precisione) di potenza fotovoltaica installata. Il ritmo di crescita dell'eolico, incentivato dal nuovo conto energia,è stimabile in 10 Mw al mese, con una crescita di ben 71 MW dall'inizio dell'anno. Spiace tuttavia rilevare come i risultati raggiunti sul campo dall'Italia in un semestre sono eguagliati in un solo mese da un Paese vicino come la Spagna, che secondo i dati riportati da Zeroemission tv ha superato la quota di 1000 Mw installati, con una crescita esponenziale che ha dell'incredibile. Erano infatti” solo” 141 i MW installati nel nel 2006 in territorio spagnolo, Mw che sono diventati 451 a fine 2007 e appunto 1085 Mw oggi. Tornando a noi le brutte notizie arrivano dal settore idroelettrico, la fonte con il maggior peso nella produzione rinnovabile italiana, che, nel 2007, ha fatto segnare un pesante segno meno, pari a 11,2 punti percentuali, rispetto al 2006, con una produzione lorda calata da 36.994,4 Gwh (2006) a 32.815,2 Gwh (2007). Il pesante dato dell'energia idroelettrica non è compensato dai buoni risultati delle altre fonti rinnovabili (incluse le biomasse), per cui il dato globale della produzione lorda da fonti rinnovabili cala di 5,5 punti percentuali rispetto al 2006 (escludendo stime Fotovoltaici).

Add a comment

ENERGIA: LE PROSPETTIVE DEL FOTOVOLTAICO

mondo fotovoltaico.gifDopo aver parlato del vento, in occasione della presentazione delle tappe di avvicinamento alla Giornata Europea del Vento, oggi voglio parlare della seconda grande scommessa energetica dei nostri tempi, ovvero l'energia fotovoltaica. Incominciamo col dire che la situazione italiana non è, al presente, così disastrata come si potrebbe pensare, ma anzi i prossimi anni potrebbero essere quelli dell'effettiva consacrazione del fotovoltaico. Infatti, secondo uno studio di Photon Consulting, riportato dall' Ansa, entro la fine del decennio l'Italia, con 1500 MW di capacità installata, diventerà il sesto mercato fotovoltaico al mondo, il terzo se restringiamo il campo alla sola Europa. La classifica completa vede nelle prime cinque posizioni: la Germania in testa con 6508 MW, seguita da California con 3062 MW, Nord America 1780 MW, Spagna 2400 MW e Giappone 1600 Mw. Il mercato del fotovoltaico ha oramai raggiunto una certa robustezza sia in termini di domanda (mondiale), sia per ciò che riguarda gli investimenti pubblici e privati in infrastrutture. In più il recente aggravio dei costi energetici sostenuti dagli utenti finali contribuisce allo sviluppo del fotovoltaico e delle energie rinnovabili in generale, in quanto avvicina i prezzi dell'energia fotovoltaica a quelli dell'energia elettrica ottenuta da fonti fossili.

Add a comment
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Energia

energia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed