Sabato, 25 Novembre 2017

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Solare Pannelli Solari: L'Export Cinese Infastidisce Gli Usa

Pannelli Solari: L'Export Cinese Infastidisce Gli Usa


pannelli solari, export cina

Il commercio dei pannelli solari cinesi va forte. Troppo forte. E’ questa l’opinione di alcuni analisti americani che temono implicazioni negative per l’occupazione negli Stati Uniti. Il governo è tentato di intervenire, ma la Cina sbotta.
E’ veramente una crescita fuori dall’ordinario quelle delle esportazioni di pe in aannelli solari cinesi negli Usa. Nel 2009 le vendite hanno raggiunto quota 640 milioni di dollari, nel 2010 addirittura hanno superato il miliardo e mezzo. Lo stupore è ancora più grande se si pensa che la Cina, nell’immaginario comune, è considerata come una delle nazioni più inquinanti al mondo. È in alcuni ambiti come abbiamo visto lo è anche.

E’ un mito che solo parzialmente corrisponde a verità: il Dragone sta investendo pesantemente nelle energie rinnovabili. I più maligni potrebbero obbiettare che alla base non c’è un convincimento di fondo sull’opportunità di utilizzare energia pulita, ma solo il bisogno di svincolarsi dalla compravendita di materie prime che, a lungo andare e visto il crescente fabbisogno energetico cinese, rischia di creare seri problemi al Dragone. Probabilmente è vero. Fatto sta, però, che la Cina sta puntando con convinzione sulle energie rinnovabili.

Passi avanti da gigante che stanno mettendo in seria difficoltà gli Stati Uniti, culla del pensiero ecologista. I produttori americani di pannelli solari, schiacciati dalla concorrenza cinese, hanno messo la pulce nell’orecchio al governo americano. E se dietro i prezzi così convenienti dei pannelli solari ci fosse la longa manus delle autorità di Pechino? Il sospetto è che “dall’alto” vengano offerte sovvenzioni ad hoc per i produttori del dragone. Il Dipartimento del Commercio americano ha deciso di avviare un’indagine per verificare.
La Cina teme l’introduzione di nuovi dazi. La reazione non si è fatta quindi attendere. Il ministro del Commercio di Pechino cinese, Shen Danyang, ha dichiarato: “Sono le aziende americane che non riescono ad innovare tagliando i costi. E se Washington imporrà dei dazi anche sulle importazioni di pannelli solari non rimetterà in discussione solamente la fiducia che Pechino ripone negli Stati Uniti in quanto alleato commerciale, ma non favorirà neppure l’interesse degli americani, e tanto meno quello degli operatori nel settore, che si sentiranno autorizzati a continuare a non innovare”.
Un ragionamento che non fa una grinza e che ha conquistato anche molti produttori i quali, di contro, stanno spingendo il governo statunitense a non combinare pasticci. Un’altra considerazione che sta contribuendo a ingrossare le file del no è la seguente: senza la Cina a stimolare gli Usa ad abbattere i costi di produzione, il costo dei pannelli solari americani aumenterebbe, la domanda calerebbe causando effetti negativi per tutta la filiera.
 
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Energia

energia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed