Lunedi, 22 Gennaio 2018

Back ECONOMIA Categorie Scuola ed Istruzione

Studenti

Scuola Pubblica: Spesso la Maggior Parte Delle Spese È a Carico Delle Famiglie

Scuola Pubblica, fondi, famiglie, studentiChe la scuola pubblica italiana versasse in una situazione economica misera è risaputo da tempo. Anni di tagli allistruzione hanno trasformato un’istituzionale cruciale per il futuro della nazione in un coacervo di difficoltà e di criticità irrisolte.
Repubblica, grazie ad un’inchiesta realizzata trasversalmente in tutto il paese (e pubblicata nei giorni scorsi), ha offerto al pubblico la vera dimensione del problema. La conclusione è che i veri finanziatori della scuola pubblica non sono i ministeri ma le famiglie degli studenti. In alcune zone, infatti, i genitori ‘versano’ l’80% della cifra necessaria a far funzionare un istituto. Insomma, le scuole ricevono dalle famiglie più di quanto ricevano dallo Stato.
Fino ad un certo punto, la cosa potrebbe apparire normale. Anche perché nelle voci di spesa rientrano attività quali corsi sportivi, corsi generici pomeridiani, recite teatrali, gite, viaggi d’istruzione e così via.

Add a comment

Giovani Diplomati: Poco Meno Della Metà Tornando Indietro Rifarebbe la Stessa Scuola

diplomati, formazione, lavoroMaturi e pentiti: questo è il quadro che descrive la situazione dei giovani diplomati in Italia, o almeno della metà di questi L’indagine è stata commissionata dal consorzio universitario AlmalaureaAlmalaurea e ha coinvolto 30 mila diplomati nell’anno scolastico conclusosi a giugno 2011. I risultati invitano a riflettere: il 46% dei ragazzi, tornando indietro, non ripercorrerebbe la stessa carriera scolastica. La percentuale più alta di pentiti è tra gli studenti del liceo classico. Alla base di tale ripensamento emerge soprattutto la volontà di ricevere una preparazione più tecnica e mirata al mondo del lavoro e meno teorica (la pensa così ben il 25,3% dei ragazzi intervistati).

Add a comment

Più di 7 Italiani Su 10 Non Sono in Grado di Leggere e Capire Testi di Media Difficoltà

leggere in italiano, analfabetismoGli italiani sono ignoranti? Sembra proprio di si, almeno sulla base di quanto emerge dalla tesi del linguista Tullio De Mauro, presentata a Firenze nella Sala delle Feste di palazzo Bastogi, in occasione dell’incontro "Leggere e sapere: la scuola degli italiani". Ben il 71% degli italiani (più di sette su dieci) non sarebbe in grado di leggere e comprendere in maniera adeguata un testo scritto di difficoltà media.
Escludendo il 5% che rappresenta la fascia degli analfabeti nel nostro Paese, il 33% del campione considerato non riesce ad interpretare correttamente testi che non siano elementari, un altro 33% si ferma ad un livello di difficoltà pari a 2 in una scala da 1 a 5.  

Add a comment

Università: l'Italia È la Seconda Meta Preferita Dagli Studenti Americani

università italiane, stranieri, studenti americaniSecondo il rapporto “Open Source” dell’Istitute of Internation Education (IIE), l’Italia è la seconda meta preferita dagli studenti americani che vogliano fare un’esperienza all’estero. L’IIE è l’ente che si occupa degli scambi accademici (per quanto riguarda sia gli studenti che le professionalità) tra le università statunitensi e quelle del resto del mondo.
Il rapporto indica il Bel Paese come meta ambita, dietro solo alla Gran Bretagna. Al terzo posto c’è la Spagna. La Francia arranca a una posizione più in basso.
In particolare, gli studenti americani che l’ultimo anno hanno studiato in Italia sono stati 28mila, mentre quelli che hanno studiato in Gran Bretagna 33mila. La Spagna vanta ‘solo’ 25mila presenze, mentre Francia e Cina viaggiano intorno ai 10mila.

Add a comment

Scuola Media: È l’Anello Debole Nella Formazione Degli Studenti Italiani

scuole medie, insegnanti, Quando si parla di “scuola” in modo generico ci si riferisce solitamente al liceo o comunque alla scuola media superiore. Sappiamo invece che in Italia, prima di giungere all’Università, il percorso formativo si sviluppa in tre stadi, la scuola elementare, media inferiore e media superiore. Spesso i primi due vengono sminuiti e considerati semplici anticamere al terzo stadio. Eppure non è così: ogni livello formativo è consequenziale, non solo in ordine temporale. Il percorso di istruzione scolastica appare dunque come una catena in cui l’anello precedente deve legarsi a quello successivo. Da questo punto di vista il gap in Italia pare essere rappresentato dai tre anni di scuola media inferiore. Questo è quello che emerge dal terzo «Rapporto sulla scuola in Italia 2011» promosso dalla Fondazione Giovanni Agnelli.

Add a comment
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Investimenti

investimenti

Case ed Immobili 

immobili

Green Economy

greeneconomy
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed