BlogRisparmio.it

Sabato, 16 Dicembre 2017

Back TECNOLOGIA

tecnologia

Le Startup Danno Lavoro e Funzionano Meglio Delle Aziende "Anziane"

StartUp, innovazione, aziende, lavoroLe startup sono una vera risorsa in tempo di crisi: offrono posti di lavoro, molti di più di quanto facciano le aziende con dieci o più anni alle spalle. Questo e altro emerge da un’editoriale di Piero Formica, pubblicato ne Il Sole 24 Ore.
La tesi di Piero Formica è suggestiva, per quanto già ripercorsa da altri. Le startup rappresentano il vero motore dell’economia mondiale, la porta di accesso ad un futuro di cui ancora non si intravedono i contorni. Non solo: rappresentano anche la nascita di un mondo nuovo. L’economista paragona l’azione delle startup a quelle delle prime aziende elettriche all’inizio del secolo scorso. In comune le due realtà condividono la carica innovativa e l’approccio alla conoscenza, considerata come il perno dello sviluppo della società. Infine, le startup, proprio come le aziende elettriche parecchi decenni fa, stanno creando una comunità di innovatori, di nuovi manager, di nuovi talenti:

Add a comment

Facebook e Lobbying: il Social Network Si Butta in Politica?

Facebook, politica, lobbyingFacebook ha di recente aumentato le spese per l'attività di lobbying in occasione della campagna elettorale americana. Cosa vuol dire? E cosa ciò ha a che fare con gli internauti?
Per capirlo è necessario prima di tutto essere consapevoli di significhi “fare lobbying”. In Italia, viste anche le vicende di Tangentopoli, questo termine assume nel senso comune un significato oscuro e una portata negativa. In verità, l’attività di lobbying, in sé, non comporta nessuna cattiva azione o reato: per lobbying si intende l’attività di pressione che un gruppo compie nei confronti del legislatore. Chi fa lobbying – o chi lo organizza, come Facebook – semplicemente porta certe istanze al governo o al parlamento. Insomma, è un elemento di democrazia.
Facebook ha aumentato le spese per lobbying, ciò significa che ha destinato risorse a questa opera di pressione. L’obiettivo, dunque, è che i suoi interessi siano ben rappresentati.

Add a comment

Shopping Online: le Controversie Si Risolvono su Internet

Shopping online, e-commerce, controversie onlineLo shopping online non è più un’idea futuristica come poteva apparire qualche anno fa: ormai il numero di seguaci dell’e-commerce è cresciuto vertiginosamente e dalla parte dell’offerta assistiamo ad un vero e proprio boom. Grazie a grandi marchi che diventano garanzia di conformità del pagamento e sicurezza delle transazioni online, come ad esempio ebay, sempre più utenti (anche tra gli italiani che notoriamente sono un popolo reticente alla divulgazione di dati sensibili e molto attento alla privacy) effettuano pagamenti su internet utilizzando la carta di credito.
Oggetto dello shopping online ormai può essere praticamente di tutto: da complementi d’arredo ad attrezzi per la palestra, da abbigliamento a viaggi etc. Ciò non toglie che persistono dei punti di criticità, soprattutto dal punto di vista della risoluzione di eventuali contenziosi nati nell’ambito dell’e-commerce.

Add a comment

Cloud Computing: Presente e Futuro in Italia

Cloud computing, aziende, prospettiveIl Cloud computing è una risorsa immensa per le aziende. Lo sanno bene tutti i partecipanti al Cloud Computing Summit 2012, tenutosi nei giorni scorsi a Milano. In quell’occasione si sono incontrati i responsabili ICT e i fornitori di servizi cloud. Argomenti della discussione sono stati il punto della situazione in Italia, le prospettive per il Cloud italiano e la definizione delle opportunità che lo stesso Cloud offre a chiunque ne voglia fare uso.
I presenti sono stati tutti d’accordo nel giudicare il Cloud come uno strumento fondamentale. Esso, infatti, contribuisce ad abbattere i costi in infrastrutture, favorisce la flessibilità, stimola la reazione alle esigenze di business, offre l’accesso diretto ai dati senza impedimento di spazio, di dispositivo e di tempo.
Il presente del Cloud computing in Italia non è roseo ma è caratterizzato da un outlook favorevole.

Add a comment

Facebook: in Arrivo il Tasto Want

facebook, tasto want, marketing, impreseFacebook ne sforna sempre di nuove. Gli utenti sono abituati a novità, a volte radicali, che spesso disorientano. La novità in arrivo, però, minaccia di cambiare per sempre il volto di Facebook sotto almeno un aspetto: quello del marketing. Facebook e il marketing sono due concetti sempre più legati tra di loro, visto che il primo sta diventando sempre di più una piattaforma efficace per il secondo. Le aziende lo sanno e stanno spostando buona parte della loro comunicazione proprio sul social network.
Gli strumenti che Facebook offre a utenti, aziende e sviluppatori sono sempre in aumento, forte  del  numero strabiliante di utenti (si sfiora il miliardo). Mark Zuckerberg, cosciente del potenziale della sua creatura per il marketing, ha in serbo l’introduzione di un nuovo bottone, il tasto Want. Esso sarà una versione rivisitata del mi piace, una sua controparte di nicchia.

Add a comment

Le 10 Domande Che Non Trovano Risposta Dalla Scienza

domande, scienzaNonostante i progressi strumentali e l’avanzamento tecnologico ci sono ancora dei limiti della scienza che appaiono insuperabili di fronte ai più grandi misteri della vita e della natura. Il canale televisivo inglese Eden ha stilato la classifica delle 10 domande che attanagliano gli studiosi da secoli e che sono rimaste senza risposta nonostante i numerosi studi scientifici sull’argomento. La top ten è stata selezionata in base ai dati emersi da un sondaggio lanciato in occasione del Mese dalla Scienza al quale hanno preso parte circa 2 mila persone.

1) Siamo soli nell’universo?
Anche gli scienziati si stanno aprendo all’idea che esistano forme di vita intelligente in altri pianeti. L’umanità però non dispone ancora dei mezzi tecnologici adatti per percorrere anni luce e creare un punto di contatto con queste realtà. Questa domanda rappresenta il dubbio esistenziale del 54% dei partecipanti.  

Add a comment

Shopping 3D e Riconoscimento Facciale: il Futuro Secondo Intel

Futuro, shopping 3d, monitor, IntelUna grande azienda è tale se riesce a offrire una sua idea di futuro. Figuriamoci se contribuisce a crearlo in prima persona. E’ questo il caso della Intel. La famosa azienda produttrice di processori, infatti, organizza ogni anno il Research@Intel Day, una fiera in cui vengono presentati i progetti ad alta portata innovativa che la stessa Intel sta portando avanti. Dovrebbero vedere la luce in un prossimo futuro, entro dieci anni. Quest’anno si sono viste cose molto interessanti
A colpire è stato sicuramente un software di ‘supporto’ all’attività di shopping. Pensavate che per scegliere cosa comprare non fosse necessaria la tecnologia? Vi sbagliavate. Intel ha dimostrato come un semplice programma, sebbene all’avanguardia, possa facilitare e velocizzare gli acquisti. Il sistema troverà la sua applicazione nei negozi di abbigliamento.

Add a comment

Twitter: Dimmi Cosa Scrivi e Ti Dirò Se Sei Psicopatico

Twitter, tweet, timelineQuando siamo connessi sui Social Network siamo veramente noi stessi? Probabilmente no (o almeno non del tutto), eppure una ricerca scientifica intende dimostrare che basta un tweet di 140 caratteri (meno di un sms) per analizzare la personalità di chi scrive e scovare perfino eventuali tendenze psicopatiche (anche contro la consapevolezza di chi scrive).
Lo studio trae le sue basi da una scoperta recente di Jeffrey Hancock della Cornell che rivela una connessione intrinseca tra la lingua e la tendenza alla psicopatia. Da questa premessa sono partiti lo scorso 14 maggio gli approfondimenti della Online Privacy Foundation e di Kaggle, giunti ora alla fase finale.
L’esperimento, che ha preso il nome di 'Twitter Big 5 Experiment’, si è svolto sotto forma di un concorso online

Add a comment

Firefox Os: Presto un Nuovo Sistema Operativo Open Source Per I Nostri Smartphone

Firefox os, smartphone, sistema operativoIl progetto Boot to Gecko (B2G) di Mozilla Foundation ha trovato finalmente un nome ufficiale e una dimensione. Si chiamerà Firefox OS e da sistema operativo broswer-based passerà ad essere un sistema operativo mobile open source che troveremo presto sui nostri smartphone. Dall'inizio del prossimo anno, infatti, dovrebbe debuttare il primo modello in Brasile venduto da Telefonica, ma Mozilla ha stretto accordi commerciali anche con altri operatori telefonici. Tra questi troviamo, oltre a Telefonica, Deutsche Telekom, Sprint, Smart, Telenor e l’italiana Telecom Italia Mobile (TIM). Gli smartphone integreranno un chip prodotto da Qualcomm (Snapdragon™ processors) e i primi prodotti dovrebbero essere prodotti da ZTE e TCL Communication Technology (sotto il brand Alcatel One Touch).
Firefox OS si candida ad essere un sistema operativo alternativo agli attuali Android (soprattutto), iOS e Windows Phone e per farlo punterà tutto sugli standard web HTML5.  

Add a comment

Facebook Exchange: Arriva la Pubblicità in Tempo Reale

facebook exchange, pubblicitàFacebook e pubblicità: c’è stato un tempo (breve) in cui questi due elementi non avevano a che fare l’un con l’altro. Da qualche anno, Mark Zuckerberg, ha deciso di sfruttare la vastissima utenza del suo social network, permettendo al mondo della pubblicità di fare capolino. Lo ha fatto, fino a questo momento, con il sistema delle inserzioni: pratico, efficace, quasi per nulla invasivo.
Facebook Exchange è l’evoluzione della pubblicità su Facebook. I cambiamenti sono però così corposi che si potrebbe tranquillamente parlare di rivoluzione. Il nuovo sistema è per ora solo in fase sperimentale, ma sarà disponibile – se i test andranno bene – entro la fine dell’estate. Intanto sono cominciate a trapelare le prime informazioni.
Facebook Exchange promette di introdurre nel social network più famoso del mondo alcune dinamiche ‘owelliane’, in pieno stile Grande Fratello.

Add a comment

E-Commerce: Grandi Possibilità di Crescita per il Mercato Italiano

e-commerce, crescita, m-commerce,L'Italia non se la passa molto bene quanto a stato di sviluppo dell'e-commerce, infatti nonostante la crescita a due cifre registrata nell'ultimo anno, siamo fanalino di coda in Europa, davanti alla sola sola Romania, per numero di aziende che vendono online. Nello specifico le aziende italiane che vendono online sono solo 5% contro una media europea del 15% e lontanissimi dal primato Norvegese (36% di imprese che vendono online). Prendendo come riferimento la Germania, in Italia sono l'11% delle medie imprese utilizzano internet come canale di vendita contro il 30% tedesco. Un Gap che diventa quadruplo quando si passa ad analizzare le piccole aziende con solo il 5% delle imprese italiane che utilizza l'e-commerce contro il 19% di quelle tedesche di pari dimensione. Sono questi alcuni dei dati presentati a Stato of the Net, evento internazionale sullo stato delle rete.  

Add a comment

Tag su Facebook: la Nuova Tecnologia Riconosce i Volti Degli Utenti

facebook, face.com, tag, privacy, fotoA breve il tag su Facebook non avverrà tramite nome e cognome ma per mezzo di una tecnologia all’avanguardia che riconosce in maniera digitale i tratti somatici degli utenti. In questo modo il famoso Social Network diventerà veramente il Libro delle facce.
Il tag su Facebook tramite riconoscimento digitale dei tratti somatici sarà possibile grazie all’acquisto di Face.com, azienda di Tel Aviv già partner del Social Network, proprietaria di una tecnologia di riconoscimento facciale utilizzata in fotografia.
Al momento non sono chiare le sorti di Face.com: solitamente infatti Facebook impone la chiusura dei siti che acquista, integrando i dipendenti. Fino ad adesso nello stesso ambito (archiviazione e ritocco di fotografie) solamente Instagram, in fase di acquisizione per una cifra di circa un miliardo di dollari, è riuscita ad ottenere un trattamento di eccezione a questa politica.  

Add a comment

Facebook: l'Organizzazione e i Modelli di Business Dietro Al Marchio

Facebook, contenuti, pubblicità, modelli di businessCosa si cela dietro la scritta ‘Facebook’? Per la stragrande maggioranza degli utenti il famoso social network è solo una piattaforma per conversare e condividere frasi o immagini. Per altri, è uno strumento di lavoro e di marketing. Dietro, però, ci sono competenze e risorse umane, un’organizzazione maniacale ma che lascia spazio a una certa fluidità.
E’ emerso questo nell’indagine sviluppata da Quotidiano.net che è andato a scovare i segreti di Facebook Italia, nella sede di Milano.
Quello che stupisce è la differenza rispetto ad altri colossi come Google e Microsoft per quel che concerne la fisionomia della macchina organizzativa. E’ tutto molto snello, informale, asciutto. “Abbiamo optato per questo tipo di struttura perché ci permettere di rispondere meglio e più velocemente alle esigenze che provengono dal mercato e dall’utenza, senza lungaggini amministrative o burocratiche”.

Add a comment

Economia Digitale: Più Aumenta la Diffusione di Internet Più Crescono i Posti di Lavoro

economia digitale, diffusione di internet, occupazione, startupPiù volte abbiamo affrontato il tema del rapporto tra Internet e più in generale l'innovazione tecnologica e la crescita economica. Sul tema è intervenuta anche l'associazione Italia Futura che ha presentato il rapporto “Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di piùCrescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più”, in cui si è cercato di definire l'impatto sull'occupazione, specie giovanile, di una maggiore e migliore diffusione di internet.
L'indagine ricorda che secondo alcune stime Internet avrebbe già creato 700 mila nuovi posti di lavoro in Italia e come l'internet economy abbia rappresentato il 2% del Pil nel 2010.
La diffusione di internet ha avuto e sta avendo un impatto positivo “puro” sull'occupazione, soprattutto su quella giovanile, indipendentemente da altre concause, quali crescita, tassazione e competitività internazionale. E questo è già un punto molto importante.
Decisamente interessanti sono poi i dati relativi all'occupazione se l'indice di diffusione di internet aumentasse del 10%.

Add a comment

Marketng Innovativo: Cos’È e a Cosa Serve

marketing innovativo, facebook, social networkIl marketing innovativo è la versione evoluta del marketing tradizionale. E’ il marketing cucito addosso a quest’epoca, dominata dai nuovi media, dal web 2.0 e declinata sempre più spesso secondo esigenze impensabili fino a pochi anni fa.
Come si distingue il marketing innovativo da quello tradizionale? Dagli strumenti, certo, ma anche dagli obiettivi che intende raggiungere. Il metodo ‘classico’ ha come scopo la conquista del consumatore, la persuasione all’acquisto; il metodo ‘moderno’ si pone invece l’obiettivo di conquistare la persona, oltre che il consumatore. Fare leva sull’individuo – sui suoi bisogni e sulle sue aspirazioni – vuol dire fidelizzarlo, per giunta in una maniera a cui la pubblicità tradizionale – quella ammaliatrice per intenderci – non potrebbe mai aspirare.
Quali sono gli strumenti del marketing innovativo? Essi appartengono tutti, o quasi, al mondo della rete e in particolar modo a quello dei social network.

Add a comment

Pagamenti su Mobile: Si Va Verso i 600 Miliardi Nei Prossimi 4 Anni

pagamenti mobile, smartphone, tabletIn tempi di crisi come questi fa sempre piacere constatare che qualche settore, non solo non ha subito danni, ma che addirittura si sta espandendo molto intensamente. E’ il caso dei pagamenti su mobile. Secondo una ricerca di Gartner i pagamenti su mobile beneficeranno di una crescita del 61,9% rispetto allo scorso anno. Inoltre, entro il 2016, il settore conterà su un fatturato di 617 miliardi di dollari, generato grazie a 448 milioni di utenti attivi. Un enorme balzo in avanti, se si confrontano queste cifre con quelle del 2011: 106 miliardi di fatturato contro e 160 milioni di utenti attivi. Ad ogni modo, anche per il 2012 è previsto un piccolo boom: i numeri in questo caso palano di un fatturato di 171 miliardi e di utenti attivi nell’ordine dei 212 milioni.

Add a comment

Pubblicità su Internet: Google Plus è Meglio di Twitter?

Google plus, pubblicità su internetChe i Social Network siano un terreno fertile per la pubblicità su internet non è una novità. Ma questo ambito può ancora riservare delle sorprese: mentre infatti molte aziende investono su Facebook e Twitter, una recente ricerca condotta da Social Bakers decreta Google plus come il Social Network più proficuo per la crescita di marchi pubblicitari.
Aprire un account sul Social Network di Google rappresenta quindi una mossa strategica per le aziende in cerca di pubblicità su internet. Ed è proprio tra i professionisti che il contestato Google Plus rivela le sue maggiori potenzialità. Facebook va bene per essere in contatto con gli amici, Twitter per seguire le opinioni e gli aggiornamenti di personaggi che ci interessano ma quando si tratta di marketing la risposta è Google plus.

Add a comment

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed