BlogRisparmio.it

Lunedi, 22 Gennaio 2018

Back TECNOLOGIA

tecnologia

Social Media Marketing: Numeri e Strategie

social media, marketing, aziendeI social media non sono solo un fenomeno comunicativo di estrema importanza, ma anche un fenomeno economico e di business. Le attività frutto di commistione tra i nuovi media e le consuete attività di marketing rientrano nella categoria ‘social media marketing’.
Il social media marketing, mese dopo mese, sta imponendosi come un’alternativa validissima per le aziende che vogliono vendere, convincere, fare comunicazione. E’ anche uno strumento a buon mercato, visto che il cartaceo e il radiotelevisivo, in genere, costano molto di più di una pagina su Facebook o di un sito web.
I social media sono un terreno fertile, fertilissimo. Lo sono perché stanno conquistando sempre con maggiore forza e pervasività la quotidianità del pubblico e, quindi, dei target aziendali. Il Moore Consulting Group ha illustrato i numeri del fenomeno in una recente infografica uscita.

Add a comment

Blog e Social Media: Passato, Presente e Futuro

blog, social media, giornalismoBlog e social media: è stato questo uno dei tanti argomenti a cui il festival del giornalismo ha dedicato un panel. Hanno discusso Filippo Facci, editorialista di Libero, Massimo Mantellini, blogger tra i più famosi in Italia, Alessandro Gilioli, caporedattore dell’edizione online dell’Espresso e blogger anch’egli.
La domanda che il moderatore ha posto è la seguente: “Ha ancora senso scrivere un blog?”. Il primo a rispondere è stato Gilioli. Secondo lui non è questa la questione, quanto piuttosto riconoscere la funzione importantissima che i blog hanno ricoperto nell’ambito comunicativo e giornalistico. I blog, infatti, sono stati i primi a permettere anche ai non professionisti della comunicazione di esprimere le loro idee di fronte ad un grande pubblico. “Hanno avuto il merito di eliminare il fossato tra chi scrive e chi legge”. E’ stato, a suo dire, un evento epocale.

Add a comment

Ubuntu 12.04 Precise Pangolin: Caratteristiche e Novità

Ubuntu 12.04 Precise Pangolin, linux, Passati i classici sei mesi di sviluppo è arrivata la nuova versione di Ubuntu, il sistema operativo Linux che insieme a Mint è tra i più amati dagli utenti desktop. Ubuntu 12.04 Precise Pangolin (pangolinopangolino preciso) è una versione LTS (Long Term Support) sigla che definisce le versioni più stabili del sistema operativo e che godono di un supporto di tempo maggiore. Tra l'altro a partire da questa versione il supporto fornito da Canonical durerà 5 anni anche per la versione desktop, invece dei classici tre, uguagliando il tempo di supporto delle versioni server.
Molti i bug fixati per dare maggiore stabilità al sistema ma non mancano le novità. L'interfaccia Unity prosegue nel suo sviluppo ed adesso nella versione 3D permetta la modifica della dimensione delle icone del launcher senza l'utilizzo di tool esterni.

Add a comment

Hardware: In Futuro l’Archiviazione Dati Sarà in Ologrammi

archiviazione dati, hvd, ologrammaL’hardware del futuro, almeno per quanto riguarda l’archiviazione dei dati, pare debba essere creato dalla HVault, società semisconosciuta operante nel campo dell’innovazione tecnologica. Il ruolo da protagonista che sta assumendo scaturisce da un’operazione finanziaria: l’acquisto degli asset di InPhase Technologies, azienda – lei sì - che negli ultimi dieci anni ha fatto passi da gigante nella progettazione di un supporto che renda obsoleti Dvd e Blu-Ray. Purtroppo, nonostante l’ impegno e le risorse – anche economiche – profuse, la InPhase non è mai riuscita a immettere sul mercato un prototipo commerciale.
La tecnologia hardware che la HVault ha intenzione di riprendere in mano si chiama Holografic Versatile Disc. In breve, HVD. Di olografico c’è però ben poco, almeno se ci si attiene al significato ‘da senso comune’ della parola olografico. Niente visioni stile Star Wars dunque. Niente ‘futuro’ di quel tipo.

Add a comment

Blomming: il Social E-Commerce Gratis Made In Italy

blomming, e-commerce, social mediaBlomming è un sito e-commerce di recente fondazione, frutto del "genio" e dell’impegno italiano. Fondato da Nicolas Junior Vitto e da Alberto D’Ottavi, che si definiscono ‘blogger di tech e imprenditori’, offre originali modalità di contatto tra clienti e venditori.
La novità di Blomming, infatti, è il mettere in relazione domanda e offerta attraverso i social media. Nello specifico, esistono due modi di conseguire una transazione. La prima è quella di comprare o vendere direttamente sul sito e-commerce, alla strenua di un qualsiasi eBay. La seconda è quella di comprare e vendere dai siti e dai blog dei venditori, attraverso una sorta di ‘patrocinato Blomming’, dunque direttamente dai canali social media ufficiali delle varie aziende o dei professionisti. La conseguenza è che, oltre a realizzare transazioni, si instaura una piattaforma di relazione tra clienti e venditori, una sorta di comunità nella quale le informazioni sui prodotti, sui brand, sulle aziende, si diffondono velocemente così anche una certa consapevolezza nell’acquisto.

Add a comment

Netbook: la Fine di un Ciclo

netbook, tablet, mini pc, ultrabookQualche anno fa, i netbook rappresentavano la moda del momento. Il primo fu prodotto e messo in commercio da Asus Asus (Eee Pc 700) e da allora la simpatica categoria dei ‘mini-pc’ si rese protagonista di un’ascesa, almeno sotto il profilo delle vendite, formidabile.
Da un paio di anni a questa parte, però, le cose stanno cambiando. I netbook stanno percorrendo la parte finale del loro ciclo. Se ne vendono sempre di meno e, soprattutto, sembrano non rientrare più nelle strategie aziendali dei colossi informatici. lenovolenovo , per fare un esempio, ha dichiarato di recente che non li venderà più online. Cosa sta succedendo? Perché questo repentino e a tratti incomprensibile declino?
Per dare una risposta è necessario scavare tra i motivi che hanno fatto la fortuna dei netbook. In primis, la capacità di soddisfare l’esigenza di mobilità e portabilità

Add a comment

Google Drive: Servizio Cloud con 5gb di Spazio Gratuito

Google drive, archiviazione dati, cloud storagePotrebbe presto fare il suo debutto sul mercato Google Drive, il servizio di cloud storage di Big G per l'archiviazione e la sincronizzazione dei propri file online. Lo sbarco di Google in questo settore è atteso da tempo, ma i rumors che arrivano dai principali siti web di tecnologia d'oltreoceano lo danno come imminente e anzi, pare che qualcuno abbia già potuto vedere e/o mettere le mani su Google Drive in anteprima. Stando alle informazioni che circolano in rete e che al momento in cui scriviamo l'articolo non sono ancora state né confermate né smentite dall'azienda, Google Drive dovrebbe offrire ben 5 gb di spazio online ad ogni utente google gratuitamente. Il modello di business dovrebbe prevedere poi dei piani di abbonamento premium in cui gli utenti pagano per avere più spazio a disposizione.

Add a comment

Tablet, PC, Smartphone: il Futuro è Multidevice o Monodevice?

pc desktop, tablet, smartphoneL’evoluzione della tecnologia è veloce e intensa, forse più veloce dell’immaginazione di chi cerca di comprendere questo mondo così frenetico. Segue strade sue, magari lontane da quelle tracciate da chi lavora nel settore. La prova di tutto questo sta nel raffronto tra e aspettative di cinque o quattro anni fa e il presente.
Un tempo, il centro della vita ‘informatica’ di un individuo era il Pc, adesso un centro vero non esiste. Pc, tablet, smartphone: sono tutti dispositivi che vengono solitamente utilizzati con uguale intensità, perché tutti e tre rispondono a esigenze diverse sia per quanto riguarda lo spazio di fruizione (es. casa o mobilità) sia per quanto riguarda i motivi della fruizione (es. lavorare o navigare).
E pensare che c’è stato un tempo, a dire il vero molto vicino, in cui si pensava all’avvento inesorabile di un device unico che avrebbe gettato nel dimenticatoio telefonini e computer.

Add a comment

Sicurezza Informatica: Situazione Critica da Qui a Tre Anni

sicurezza informatica, hacker, La sicurezza informatica oggi, in pieno terzo millennio, appare quasi come un’utopia. Gli avvenimenti che si susseguono ininterrottamente da qualche anno rivelano una fragilità dei sistemi informatici, di tutti, persino di quelli più importanti. Sono stati violati alcuni dei nomi più grandi nel campo della tecnologia, dell’informatica, persino della politica. Sony ha rischiato di fare una brutta fine; in verità l’ha fatta, almeno sotto il profilo della reputazione: sono stati trafugati i dati utenti del Psn e lo stesso servizio è rimasto (seppur per precauzione) down per circa un mese. La CityGroup ha subito l’intrusione degli hacker. Persino il Dipartimento della Difesa americano, per antonomasia ricettacolo di segreti e misteri, ha dovuto fare i conti con i pirati informatici.
Cosa sta succedendo? E’ possibile ancora ambire alla sicurezza informatica? Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, ha cercato di fare il punto della situazione. Lo ha fatto attraverso un lungo documento, il Rapporto Clusit 2012

Add a comment

Videogiochi: l'Italia è il Quarto Mercato Europeo, Ma i Numeri Sono in Calo

Videogiochi, console, fatturatoIl mercato dei videogiochi in Italia ha risentito e risente ancora della crisi economica e della conseguente contrazione della spesa delle famiglie, tuttavia risulta essere il quarto mercato europeo per fatturato, dietro a Gran Bretagna, Germania e Francia, guadagnando una posizione rispetto al 2010. é questa una delle notizie che emerge dal Rapporto Annuale di AESVI (Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani) condotto in collaborazione a Gfk Retail and Technology e relativo allo scorso anno. I dati, riferiti ai canali distributivi Retail e Normal Trade, ovvero ipermercati, specialisti in elettronica di consumo e negozi specializzati, riferiscono di un settore che ha sviluppato un giro d'affari annuo di 993,1 milioni di euro, in calo del 7,1% rispetto al 2010. La contrazione, oltre che per gli effetti della crisi, è in parte imputabile al crescente peso dei segmenti dell'online e del mobile che non sono considerati nel rapporto.  

Add a comment

Il Rapporto tra Sindacati e Social Media

sindacati, sociale media, social networkI social media, è ormai un’evidenza compresa dai più, sono lo strumento più adatto per favorire i processi decisionale bottom-up, ossia basati sull’ampia partecipazione della base. I social media, e soprattutto i social network, quasi smantellano le gerarchie imponendo flussi comunicativi sempre più orizzontali. Il cambiamento sta contagiando anche la politica, settore tradizionalmente conservativo. Non sono pochi i politici che comunicano con gli elettori attraverso Facebook e Twitter. La maggior parte di essi – si potrebbe obiettare – è presente online per questioni di puro consenso, ma è in dubbio che un altrettanto cospicua parte utilizzi il web per recepire le istanze provenienti dal basso.
In questo panorama, è impossibile pensare ad un sindacato – per sua stessa definizione incentrato sull’ascolto del popolo – che ignori lo strumento social media. Infatti, Cgil, Cisl e compagnia bella ‘occupano’ stabilmente gli spazi concessi dai nuovi media.

Add a comment

Cloud Computing: le Realtà Amministrative Europee Investono Poco

cloud computing, realtà amministrative, societàLa società di ricerche di mercato IDC ha diffuso un’indagine che ha analizzato il complesso rapporto tra le realtà amministrative europee e il cloud computing. Il quadro che esce fuori è poco confortante. Lo è per due motivi: la situazione attuale e le prospettive per il futuro.
I dati riferiti al presente rivelano che gli investimenti dei soggetti intervistati sono relativamente bassi. Nessun ente dedica al cloud computing più del 15% delle sue spese complessive. Peggio ancora, metà di loro addirittura non stanzia alcune somma di denaro.
I numeri fanno pandan con un altro tipo di rilevazione: la percezione degli enti-aziende sul cloud in generale. Nonostante il ridotto impiego di risorse, esso è visto come una grande opportunità nell’economia di un'impresa, di qualsiasi tipo essa sia.

Add a comment

La Digitalizzazione Dei Servizi Farebbe Risparmiare 4 Miliardi di Euro l'Anno

digitalizzazione servizi, pubblica amministrazione, risparmiLa digitalizzazione dei servizi è una necessità in Italia. Meno di un mese fa abbiamo presentato uno studio dell'Osservatorio eGovernment della School of Management del Politecnico di Milano secondo cui con un maggior livello di digitalizzazione dei servizi offerti dai Comuni Italiani si potrebbero risparmiare 2,3 miliardi l'anno. Dello stesso avviso è anche l'Istituto per la competitività che in un recente studio presentato alla Camera dei Deputati: “R-Innovare l'ItaliaR-Innovare l'Italia” ha stimato che la digitalizzazione dei servizi potrebbe portare ad un risparmio medio di 157 euro l'anno a famiglia, vale a dire 4 miliardi complessivi l'anno. Il tutto senza cambiare le modalità organizzative dei servizi considerati nel campo della sanità, cittadinanza, istruzione, lavoro e sicurezza. 
L'Italia spiega lo studio, ha intrapreso la via della digitalizzazione dei servizi e ha fatto anche notevoli passi in avanti tuttavia non ha raggiunto risultati sufficienti per tre motivi principali.

Add a comment

Wikidata: Arriva l'Enciclopedia Semantica Erede di Wikipedia

Wikimedia Foundation, wikipedia, wikidataWikimedia Foundation sta per lanciare un nuovo progetto, erede di Wikipedia: si tratta di Wikidata, un’enciclopedia semantica formata da contenuti tecnici e strutturati e modificabile da qualsiasi macchina o essere umano in 280 lingue. Mentre con Wikipedia solo gli autori potevano modificare il proprio contenuto, con Wikidata sarà implementata l’interazione e ogni contenuto potrà nascere ed essere integrato da più autori. Tra i finanziatori spiccano i nomi di Google (25%), di Paul Allen (50%) e della Fondazione Gordon e Betty Moore. Considerando che l’investimento iniziale è stato di circa 1,7 milioni di dollari è intuibile che i finanziatori credono molto nella potenza rivoluzionaria di questo progetto. Proprio i dirigenti del colosso informatico hanno pubblicamente auspicato che questa nuova enciclopedia online possa rappresentare un database fornito di dati strutturati.

Add a comment

BuyMyFace: Affittare la Propria Faccia e Guadagnare Fino a 400 Euro Al Giorno

Buymyface, pubblicità, facciaMolte sono le idee stravaganti per incrementare le entrate che si trovano online ma alcune sono decisamente creative. Due giovani laureati presso l’Università di Cambridge hanno trovato un modo originale per guadagnare fino a 400 euro al giorno (con una media giornaliera di incassi di 120 euro): affittare la propria faccia per scopi pubblicitari. Loro sono Ross Harpe e Ed Moyse, laureati rispettivamente in neuroscienze ed economia: per incrementare i guadagni se ne vanno in giro per il centro di Londra con il volto ricoperto di scritte a scopo promozionale. L’idea oltre ad essere proficua è molto innovativa per quanto riguarda i tradizionali mezzi di comunicazione e i canali di pubblicità. E questo mezzo pubblicitario sembra essere anche efficace: sono molti i turisti che si fermano a guardare incuriositi e a leggere le scritte sulla fronte o le guance.

Add a comment

Boom Dei Navigatori Auto, Ma Aumenta il Pericolo di Distrazione

GPS, navigatore, sicurezza stradaleQuanto è importante per voi il navigatore in automobile? Il Centro Studi e Documentazione Direct Line, affermata compagnia di assicurazione online, lo ha chiesto agli italiani: il 70% ha ammesso di possedere in auto un dispositivo satellitare incluso o come accessorio extra. Ma non sempre il gps è risolutivo: il 39% degli intervistati lo usa solo in casi di estrema necessità e il 27% si dichiara diffidente verso questa tecnologia e ammette di discostarsi dalle indicazioni della voce guida. Una piccola percentuale, il 4%, accende automaticamente il navigatore prima di mettersi al volante. Ovviamente molto dipende anche dalla città in cui si passano più ore alla guida: chi abita in metropoli trafficate avrà maggiore esigenza di ricorrere al navigatore. Tra gli italiani i più propensi a guidare in zone del tutto sconosciute solo se supportati dal navigatore sono i romani e i bresciani.

Add a comment

PMI e Comunicazione: le Insidie Dei Social Media

PMI, social media, social network, Per le PMI (piccole e medie imprese) la comunicazione è un obbligo, proprio come per le grandi. Anzi, le loro rispettive dimensioni impongono una ricerca abbastanza assidua della visibilità. I social media (e i social network in particolare), al giorno d’oggi, permettono di comunicare, di farsi conoscere, senza spendere tantissimo denaro. Nondimeno, sono strumenti che vanno usati con cura perché nascondono molte insidie.
L’errore più grande che un piccolo imprenditore possa fare è considerare il web come un contenitore ‘universalistico’ nel quale riversare indistintamente tutte le attività di comunicazione che non riesce a mettere in pratica offline. E’ il miglior modo per fare danni.
Dunque è necessario innanzitutto fare comunicazione targettizzata. Scegliere un target preciso, magari ristretto, e ricamarci su il messaggio. Inoltre, sempre in base al target, va scelto il canale adatto nel quale far passare i contenuti. Sono questi i nuovi imperativi della pubblicità.

Add a comment

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed