Mercoledi, 22 Maggio 2019

Back ECONOMIA Categorie Alimentari LATTE CRUDO ITALIANO AL DISTRIBUTORE

LATTE CRUDO ITALIANO AL DISTRIBUTORE


Latte Crudo, foto Flickr
Distributore Automatico di Latte Crudo
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

In un tempo ormai lontano le famiglie italiane utilizzavano abitualmente il latte crudo in cucina e c'è chi giura, ed è ancora qui a raccontarlo, che difficilmente si incorreva in problemi digestivi o di intolleranze. Scommetto che in molti sarebbero pronti a smentire questa argomentazione di cultura popolare, in ogni caso, rimane il fatto che, il piacere di un bel bicchiere di latte crudo sia qualcosa di innegabile. Oggi il latte che viene abitualmente venduto al dettaglio, subisce un processo di pastorizzazione e ultrapastorizzazione che da un lato mira alla distruzione di microrganismi potenzialmente patogeni, ma dall'altro inibisce  il valore nutrizionale del latte, distruggendo buona parte ( quasi il 10%) delle vitamine del gruppo b e abbassando il valore biologico delle proteine. Tuttavia nella diatriba infinita tra i benefici della pastorizzazione rispetto al latte crudo e viceversa, si assiste ad un fenomeno strano, che, dopo aver visto un discreto sviluppo oltreoceano e in alcuni paesi europei, sta prendendo piedi anche in Italia. La vendita del latte crudo al distibrutore.  Tralasciando per un attimo i benefici, diciamo nutrizionali, della questione, c'è da rilevare come questo fenomeno abbia una duplice ragione di convenienza economica. Da un lato per i produttori, che, in questo modo, possono guadagnare circa 65 centesimi in più rispetto al prezzo medio pagato in Italia dall'industria alimentare e dall'altro, per i consumatori che, così,  si assicurano un risparmio di 30 centesimi al litro.

Collegamenti Sponsorizzati
 

La valenza economica non è un aspetto da sottovalutare, anche in ragione dei benefici nutrizionali di cui si accennava prima. Infatti, il più ampio respiro economico degli allevatori, leggasi margine operativo sul venduto, può attenuare i fenomeni di  ricerca dell'economia di scala per risparmiare sui costi, con un conseguente, quantomai probabile, impoverimento della qualità stessa del latte. La dislocazione dettagliata dei distributori è disponibile on-line presso numerosi siti, di cui il più famoso è MilkMaps MilkMaps. Scorrendo le mappe si può notare come la maggior parte dei distributori siano ubicati nel nord Italia, con  Lombardia, Piemenotne , Veneto ed Emilia Romagna a fare la parte del leone, tuttavia non si può negare come il fenomeno sia in espansione anche nel resto dell'Italia.  Ovviamente tutto ciò che concerne la distribuzione e vendita del latte crudo non è lasciato alla buona fede degli allevatori, ma deve attenersi a tre rigide regole. il latte crudo, infatti, per poter essere venduto direttamente deve :

  • essere filtrato con dispositivi per l'eliminazione delle impurità
  • essere refrigerato direttamente dopo la mungitura fino ad una temperatura compresa tra 0 e 4 gradi.
  • essere conservato a tale temperatura e agitato meccanicamente fino alla sua erogazione per la vendita.

Nonostante la cura posta nel processo di distribuzione al dettaglio del latte crudo, può, comunque,  sussistere il rischio che, agenti patogeni, dovuti principalmente ad una cattiva igiene del recipiente portato dal consumatore, possano causare vari disturbi soprattutto a livello intestinale. Il tutto aggravato dal fatto che l'allevatore risponde sia penalmente che civilmente di eventuali problemi sanitari per il consumatore. Questo aspetto, di non poco conto,  può essere risolto, per esempio, acquistando la bottiglia direttamente dal distributore, che, solitamente è in grado di fornire bottiglie di plastica  sterilizzate alla modica cifra di 20 centesimi a bottiglia.  In ogni caso è possibile, anzi, personalmente, lo consiglio, utilizzare bottiglie di vetro con tappo a vite, magari precedentemente sterilizzate a vapore. Insomma forse vostro nonno vi dirà che, comunque, il latte di una volta era migliore, non possiamo certo dargli torto, però, quantomeno, grazie a questi distributori potremo dire anche noi di aver gustato un bel bicchiere di latte buono e genuino (quasi) come quello di una volta.


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed