Lunedi, 18 Giugno 2018

Back ECONOMIA Categorie Case ed Immobili L’AUTOCOSTRUZIONE: COSTRUIRSI LA CASA DA SÈ RISPARMIANDO FINO AL 60% RISPETTO AL MERCATO

L’AUTOCOSTRUZIONE: COSTRUIRSI LA CASA DA SÈ RISPARMIANDO FINO AL 60% RISPETTO AL MERCATO


autocostruzione3510.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
L’Autocostruzione: Costruirsi la Casa da sè Risparmiando Fino al 60% Rispetto al Mercato | Social Housing | Edilizia |

In un contesto economico in cui l’acquisto di una casa diventa sempre più difficile per ampie fasce di popolazione, si inizia a far largo anche in Italia una frontiera del risparmio edilizio ancora poco diffusa, ma che è già un modello molto adoperato in diversi paesi europei: l’autocostruzione.
Con questo termine in architettura si indicano le strategie finalizzate a sostituire con operatori dilettanti, le imprese  artigianali o industriali che, solitamente, si occupano normalmente della realizzazione dell’immobile Secondo questa idea innovativa, un gruppo di persone condivide il progetto di costruzione partecipando tutti, in parti uguali, alla nascita del nuovo immobile. Una volta composto il “team” che si occuperà materialmente della costruzione delle case, può scegliere, ad esempio, di abitarne una, dapprima sottoforma di affitto, poi con un canone sostenibile, ovvero proporzionato sia ai redditi che alle condizioni dell'abitazione, fino a poter riscattare completamente la casa.
Detta in questo modo, l’autocostruzione può sembrare una soluzione di serie B, ma in realtà non è così. In quanto i progetti vengono comunque seguiti da professionisti nell'edilizia per tutto il corso di costruzione, garantendo l’assistenza tecnica indispensabile, il rispetto delle norme di sicurezza, le certificazioni necessarie per il completamente di un unità immobiliare di qualità. L’organizzazione del gruppo impedirà inoltre ad ogni componente del progetto di “risparmiare” sul suo contributo lavorativo: le ore lavorative per le quali ci si mette a disposizione, infatti, vengono solitamente fissate in partenza, né è pensabile che una persona possa impegnarsi maggiormente sull’abitazione che occuperà trascurando quelle altrui, dal momento che l’assegnazione delle abitazioni sarà effettuata solo a lavori ultimati attraverso sorteggio.
Dal punto di vista economico, optare per una simile soluzione può garantire al cittadino un risparmio decisamente notevole: fino al 60% rispetto al normale prezzo di mercato. Insomma una convenienza assoluta alla quale però bisogna sottrarre il costo opportunità del lavoro sostenuto, stimabile secondo alcuni in 1000 ore lavorative complessive (anche se il numero dipende dal progetto), che non vengono in alcun modo retribuite. Diversi però gli aspetti innovativi interessanti oltre al risparmio sui costi.
L'autocostruzione infatti permette di conoscere e cementare i rapporti con i futuri vicini che, prima di diventare appunto vicini, sono colleghi di lavoro. Sotto questo punto di vista può essere anche un'opportunità per avvicinare anche etnie e culture differenti. Un altro aspetto interessante è la possibilità per i genitori di aiutare i figli nella costruzione dell'opera, prestando lavoro invece che denaro. Non si richiede particolari esperienze precedenti nell'ambito dell'edilizia, agli autocostruttori non sono richieste nemmeno grandi abilità manuali, ma solo la forza e l'impegno nel costruire la propria casa. Da ultimo non va dimenticata la soddisfazione insita nell'autocostruirsi la propria casa.
Ma chi volesse accedere a questa opportunità che dovrebbe fare?
Esistono diverse strutture e organizzazioni, tra queste segnaliamo AliseiAlisei, attiva da più di 20 anni nella promozione di politiche territoriali per lo sviluppo di partecipazione, interculturalità  e convivenza pacifica oltre che per il riconoscimento del diritto alla Casa. L'associazione promuove dal 2002 l'autocostruzione come strumento di housing sociale. Alisei consiglia ai cittadini che fossero interessati all'autocostruzione diverse possibilità:

  • Rivolgersi al proprio comune, magari in più persone per mostrare interesse e volontà  a partecipare, sollecitandolo ad avviare il progetto sul suo territorio.
  • Se il comune ha già avviato un bando, controllare se si posseggono i requisiti oggettivi e soggettivirequisiti
	oggettivi e soggettivi per partecipare


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Una volta selezionati i cittadini verrà costituita una cooperativa con i futuri autocostruttori e verrà acceso un mutuo ipotecario con un istituto finanziario. A questo punto il candidato dovrà concedere parte del proprio tempo (weekend, festività e parte delle ferie) al progetto senza nessun esborso di denaro per circa 2 anni. Finita la costruzione dell'immobile, gli autocostruttori potranno divenire proprietari della singola unità abitativa stipulando un mutuo personalizzato. Oppure potranno siglare un contratto di affitto per 10 anni ad un canone moderato ed indicizzato ISTAT, senza dover sottoscrivere debiti o mutui. In questi 10 anni dovranno essere responsabili della manutenzione dell'unità autocostruita e potranno trasferire il contratto di affitto e il diritto di riscatto a parenti di primo grado. Trascorsi i dieci anni di affitto senza problemi di morosità, sarà possibile riscattare la casa dall'Ente attuatore (Solitamente il Comune ) ad un  prezzo definito e fissato in partenza all'interno del contratto di affitto. Va precisato che però quest'ultima possibilità è stata finora sperimentata solamente in alcuni comuni della Regione Lombardia.
Insomma sicuramente una possibilità diversa per accedere alla casa, già in uso molti anni fa in Italia, soprattutto a livello familiare e nei piccoli centri, che ritorna in voga come nuova frontiera dell'edilizia sociale.
    CondividiCondividi
468x60_spesa
RISORSE:
L’Autocostruzione: Costruirsi la Casa da sè Risparmiando Fino al 60% Rispetto al Mercato | Social Housing | Edilizia |

CREDIT
Si ringrazia l'utente  shiny red typeshiny
red type di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed