Giovedi, 15 Novembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Case ed Immobili IN EUROPA QUASI UN CITTADINO SU 6 VIVE IN CASE SOVRAFFOLLATE E DOVE IL TETTO PERDE

IN EUROPA QUASI UN CITTADINO SU 6 VIVE IN CASE SOVRAFFOLLATE E DOVE IL TETTO PERDE


casabbandonata2302.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Le condizioni abitative in cui vivono i cittadini dell'Unione Europea variano considerevolmente tra i vari Stati membri, sia per quanto riguarda le tipologie di abitazione sia per i problemi connessi incontrati. A indagare su queste differenze abitative ci ha pensato l'Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea. in uno relazione dedicata
Secondo quanto riportato, nel 2009, il 42% delle popolazione dell'Unione Europea (UE27) viveva in un appartamento, il 34% in una casa indipendente e il 23% in una semi-indipendente o a schiera. Quasi un quinto della popolazione (il 18%) viveva in abitazioni sovraffollate, mentre il 16% abitava in case dove il tetto perdeva o era umido. E ancora il 7% della popolazioni considerava la propria abitazione per essere troppo scura, il 4% non disponeva di wc interno e il 3% non aveva a disposizione né bagni né docce.
Tra i vari stati membri gli appartamenti risultano più diffusi in Lettonia, le case unifamiliari in Slovenia, mentre quelle semi-indipendente nei Paesi Bassi e nel Regno Unito. In dodici Stati Membri su 27 le case indipendenti sono il tipo di abitazione più comune, in 10 lo sono gli appartamenti, mentre nei rimanenti 5 lo sono le case semi-indipendenti o a schiera. In Italia il 53,4% della Popolazione risulta vivere in appartamento, il 24,6% abita in una casa indipendente, il 18,7% in una semi-indipendente o a schiera, mentre il 3,4% in altri tipi di abitazioni non specificate. Oltre all'Italia gli appartamenti risultano la tipologia di abitazione più diffusa in Lettonia (ci vive il 66% della popolazione), in Estonia e Spagna (entrambe al 65%), in Lituania (58%), in Grecia (56%),  in Repubblica Ceca e Germania (53%). Oltre la metà della popolazione vive, invece, in case unifamiliari in Slovenia (69%), Ungheria (68%), Romania (61%), Danimarca (58%) e Svezia(51%), mentre le villette a schiera (o abitazioni semi-indipendenti) sono diffuse nei Paesi Bassi e nel Regno Unito (entrambi 61%) e in Irlanda (58%).
Per quanto riguarda la percentuale di popolazione che vive in abitazioni sovraffollate (identificate dal rapporto tra il numero di persone di una famiglia e il numero di stanze per casa), si va dall'1% di Cipro al 57,7% della Lettonia. Valori bassi si riscontrano oltre che a Cipro anche nei Paesi Bassi (2%), in Spagna (3%), in Irlanda, Belgio e Malta (4%), mentre valori elevati risultano in Romania e Ungheria (55%), in Polonia e Lituania (49%) e in Bulgaria (47%). In Italia il 23,3% della popolazioni vive in questa condizione di sovraffollamento, 4,5 punti percentuali in più della media dell'Unione Europea a 27.
Circa una persona su sei vive in una casa dove il tetto perde o è umido, le percentuali più basse si riscontrano in Finlandia (5%) e in Slovacchia e Svezia (7%), mentre quelle più alte in Slovenia (31%), Cipro (29%) e Lettonia (26%).

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



In Italia il 20,5% della popolazione vive in questa condizione, 4,6 punti percentuali in più della media UE27.
La quota di popolazione che vive in case considerate buie varia dal 4% di Slovacchia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Finlandia al 16% della Slovenia e all'11% di Lettonia e Regno Unito. L'Italia in questo caso presenta un valore poco superiore alla media dell'UE27 (7,9% contro 7,3%).
Infine per quanto riguarda la mancanza di servizi igienici all'interno delle abitazioni, le percentuali di popolazioni maggiori che vivono in questa condizioni si riscontrano in Romania (43%), in Bulgaria (26%) e in Lituania e Lettonia (17%).  Mentre la percentuale di popolazione che vive in abitazioni senza bagno o doccia risulta pari in Romania al 41%, in Lettonia al 18% e in Lituania e Bulgaria al 16%. In Italia la popolazione che vive senza servici igienici interni o in abitazioni senza doccia né wc è sensibilmente bassa e pari rispettivamente allo 0,2% e allo 0,4%.

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
iammikeb
iammikeb
by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Mutui

mutui

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed