Lunedi, 20 Novembre 2017

Back ECONOMIA Categorie Consumatori ANIA: IL PREZZO MEDIO RC AUTO E' DIMINUITO DEL 11,8% IN CINQUE ANNI, LE REAZIONI DEI CONSUMATORI

ANIA: IL PREZZO MEDIO RC AUTO E' DIMINUITO DEL 11,8% IN CINQUE ANNI, LE REAZIONI DEI CONSUMATORI


relaniacommconso10.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Ania: il Prezzo Medio RC Auto e' Diminuito del 11,8% in Cinque Anni, le Reazioni dei Consumatori | Assicurazioni | Polizze | Premio |

Abbiamo trattato oggi il tema della relazione annuale del presidente dell'Ania
relazione annuale del presidente dell'Ania, Fabio Cerchiai, in occasione dell'assemblea nazionale delle imprese assicuratrici. Come anticipato le considerazioni dell'Ania sull'assicurazione RC Auto non hanno mancato si suscitare polemiche e commenti nelle associazioni dei consumatori. In questo articolo vogliamo riportare alcune delle reazioni principali
FederconsumatoriFederconsumatori commenta i dati dell'Ania ( il premio medio RC auto è diminuito dell’11,8% negli ultimi 5 annimedio
RC auto è diminuito dell’11,8% negli ultimi 5 anni) sostenendo che si tratti più che di dati statistici dei desideri dell'Ania.
Desideri che piacerebbero anche all'Associazione dei Consumatori ma che purtroppo sono ben lontani dalla realtà. Secondo quanto rilevato dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, su un campione che analizza il 67% del mercato i prezzi delle polizze auto sono in continuo rialzo. Maggiormente penalizzati i 50enni che vedono i premi aumentati in media del 18%, con punte al sud per chi si trova in 14esima fascia pari al 19-20%. Non va di certo meglio ai neopatentati che subiscono aumenti, su tariffe già di per sé molto alte, in media tra l'8% e il 10%, con punte anche del 20%.
Dal 1994 ad oggi, prosegue Federconsumatori le tariffe hanno fatto registrare una crescita di ben il 173% (del 18% solo nell'ultimo anno). L'associazione in collaborazione con Adusbef vede necessario un blocco delle tariffe RC Auto, e l'introduzione di misure che aumentino la competitività del settore, incrementando e potenziando il ruolo degli agenti plurimandatari.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Ancora più critico il CodaconsCodacons, per il quale il presidente dell'Ania, Fabio Cerchiai, “deve essere stato vittima oggi di un colpo di calore particolarmente grave, per il quale crediamo sia indispensabile l'intervento del suo medico di famiglia ed un eventuale ricovero in ospedale”. Secondo l'associazione nell'ultimo anno le tariffe sono cresciute del 15%, mentre negli ultimi 15 anni la crescita è stata del 175%. Particolarmente grave il confronto con gli altri paesi europei, dove le assicurazioni costano molto meno che da noi. Contro i rincari del settore assicurativo il Codacons ha presentato nei giorni scorsi un nuovo, “corposo” ricorso all'Antitrust, che come abbiamo visto già indaga sul settoregià indaga sul settore .
Anche l'AdocAdoc si stupisce dei dati riportati dall'Ania visto che le tariffe sono in continuo aumento tra il 15 e il 18%, come dimostrato dai dati dell'associazione e da quelli di Isvap Isvap e Istat. Ciò comporta che le tariffe Rc Auto in Italia siano il doppio rispetto alla media europea e che i consumatori italiani spendano complessivamente 8 miliardi di euro in più rispetto agli altri cittadini europei.
Per l'Adoc è necessario intervenire concretamente per dimezzare le polizze al Sud, esageratamente care e per colpire le truffe in campo assicurativo, oggi mal perseguite.


 


RISORSE:

 

 


CREDIT
Si Ringrazia l'utente boxchainboxchain di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed