Giovedi, 21 Giugno 2018

Back ECONOMIA Categorie Consumatori ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI IN RIVOLTA PER LA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA: RINCARI DI OLTRE IL 30%

ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI IN RIVOLTA PER LA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA: RINCARI DI OLTRE IL 30%


acquaprivatizzata.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Associazioni dei Consumatori in Rivolta per la Privatizzazione dell'Acqua: Rincari di Oltre il 30% | Risparmio |

Il Codacons annuncia che presto arriverà una nuova batosta sulle spalle già logore degli italiani. Secondo l'associazione dei consumatori, infatti, la privatizzazione dell'acqua, un provvedimento che è stato assunto qualche tempo fa dal Parlamento, determinerà una stangata record, con un incremento delle tariffe che si attesterà intorno al 30% nei prossimi tre anni. Durante la giornata mondiale dell'acqua (oggi 22 marzo), il Codacons ne ha approfittato per discutere in merito a questa misura intrapresa recentemente dal Parlamento, che ritoccherà verso l'alto, in modo molto marcato, le tariffe a carico degli utenti. Secondo una nota diffusa dal Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, nel corso dello scorso anno, una famiglia con un reddito medio nel nostro paese, ha sopportato un costo pari a 268 euro, a fronte di un consumo medio annuo d'acqua potabile pari a 200 metri cubi. Ciò significa che, stando alle previsioni triennali, quindi nel 2012, la medesima famiglia, dovrà sostenere dei costi in media pari a 348 euro all'anno: in pratica un aumento di 80 euro, ovvero del 30%, sulle tariffe dell'acqua.
Secondo il Codacons questo aumento delle tariffe è stato motivato dalla necessità per i privati che erogheranno il servizio, di avere un ritorno economico dalla loro attività.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Come al solito, chi fa le spese di questo passaggio da un monopolio pubblico alla gestione privata, sono i consumatori, che dovranno sostenere sulle loro spalle un aggravio comprendente non solo il costo del servizio, ma anche il profitto del privato che finanzia tale attività. Un po' come è accaduto in passato con le altre privatizzazione delle aziende di statoprivatizzazione delle aziende di
stato . Secondo Adusbef e Federconsumatori invece, considerando solo il biennio 2010-2011, il rincaro sarà di circa 50 euro a famiglia con una bolletta che aumenterà dai 315 euro attuali a 365 euro l'anno: insomma un euro al giorno di spese solamente per l'acqua. La soluzione prospettata dalle varie associazioni dei consumatori è una sola: avviare un progetto di raccolta firme il prima possibile, per poter dar vita ad un referendum abrogativo del decreto Ronchi, che ha istituito la privatizzazione dell'acqua.
  [Via: Asca.itAsca.it ]
CondividiCondividi

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

RISORSE:

Associazioni dei Consumatori in Rivolta per la Privatizzazione dell'Acqua: Rincari di Oltre il 30% | Risparmio |

 


CREDIT
Si ringrazia l'utente adebⓞndadebⓞnd di flickr per l'immagine

 

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed