Giovedi, 15 Novembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Consumatori VACANZE SICURE: TROPPI GLI ITALIANI CHE GUIDANO CON PNEUMATICI SGONFI, LISCI O DANNEGGIATI

VACANZE SICURE: TROPPI GLI ITALIANI CHE GUIDANO CON PNEUMATICI SGONFI, LISCI O DANNEGGIATI


viaggiaresicuricontyre.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Vacanze Sicure: Troppi gli Italiani che Guidano con Pneumatici Sgonfi, Lisci o Danneggiati | Sicurezza Stradale |

Sono stati presentati nei giorni scorsi i risultati della Campagna “Vacanze Sicure 2010”, l'indagine svolta da Assogomma e Polizia Stradale sullo stato degli pneumatici dei cittadini italiani. La campagna 2010 ha previsto quasi 10mila controlli sullo stato degli pneumatici di vetture,mezzi ti trasporto merci, mezzi pubblici in cinque regioni, (Trentino Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Puglia), nei mesi di aprile, maggio e giugno. I risultati sebbene in miglioramento rispetto alla prima indagine del 2003 non sono confortanti. Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma fa sapere che se i dati venissero proiettati su tutto il parco circolante dei veicoli italiani, che è tra i più grandi del mondo in rapporto alla popolazione (48milioni), si potrebbe affermare che ci sono ancora milioni di mezzi che circolano con pneumatici non in piena efficienza. Il problema diventa ancora più grave nella stagione estiva quando milioni di italiani si muovono per recarsi nei luoghi di villeggiatura. Soprattutto in questi periodi viaggiare con pneumatici sgonfi o con il battistrada liscio può significare maggior rischi per quanto riguarda la sicurezza. Per viaggiare sicuri, la prima regola è quella di avere un veicolo in buono stato, senza sottovalutare gli pneumatici che sono l'unico punto di contatto tra la vettura e la strada.
Analizzando i dati emerge subito un dato confortante, su 5.000 vetture controllate, è stato riscontrato un numero di auto con pneumatici lisci pari ad una percentuale compresa tra il 3 e il 5 per cento. Un dato che risulta dimezzato rispetto all'indagine del 2003, quando questa percentuale era compresa tra l'8 e il 10 per cento, ma che se riportato al parco circolante italiano, significherebbe che circolano ancora oltre 1 milione e mezzo di auto fuori legge. Secondo Bertolotti sono ancora troppe le vetture che circolano con pneumatici danneggiati visibilmente (3% medio) con picchi locali sino al 5%. Si tratta di tagli che insorgono sul fianco del pneumatico a causa si collisioni contro i marciapiedi oppure di buche pericolose. Questi segni che vengono spesso sottovalutati, possono costituire l'anticamera di un cedimento strutturale in marcia, soprattutto in estate circolando a pieno carico, con gomme sotto gonfiate che producono un surriscaldamento delle temperature interne. L'indagine ha dimostrato un aumento della percentuale di vetture che viaggia con pneumatici non omogenei, dal 2% al 4%.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI


Inaspettato invece il numero di vetture che dai controlli sono risultate non revisionate, quasi il 4% le italiane e addirittura attorno al 10% le estere. Se per le auto straniere il dato potrebbe derivare da una normativa in materia di revisione diversa da quella italiani, i dati sulle vetture del nostro Paese dimostrano che c'è ancora troppo poca attenzione al tema della sicurezza stradale.
Sempre a proposito di pneumatici ricordiamo che nel periodo estivo è in vigore la campagna per la sensibilizzazione alla sicurezza stradale “Safe&Go”, promossa da Autostrade per l'Italia e Pirellicampagna
per
la sensibilizzazione alla sicurezza stradale “Safe&Go”,
promossa da Autostrade per l'Italia e Pirelli. L'iniziativa prevede controlli gratuiti dello stato degli pneumatici e un incentivo di 170 euro, 100 dei quali per l'acquisto di un treno di gomme nuovo e 70 in sconti sui pedaggi Autostradali. In più viaggiare con pneumatici non gonfiati alla giusta pressione di gonfiaggio può comportare consumi di carburante maggiorati anche del 20%
consumi di carburante maggiorati anche del 20%.
In chiusura ricordiamo che un grande nemico della sicurezza stradale è la distrazione alla guida, che un indagine Ipso è stata causa di incidente per il il 51% degli italiani intervistati. Per questo motivo consigliamo di leggere i consigli della campagna per la sicurezza stradale “Pensa a Guidare”
campagna per la sicurezza stradale “Pensa a Guidare”, promossa dalla fondazione Ania.

   


gommadiretto.it

RISORSE:

 

 

CREDIT
Si Ringrazia l'utente TruckPRTruckPR di flickr per l'immagine



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Carburanti

benzina

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed