Giovedi, 23 Novembre 2017

Back CREDITO Categorie Credito GUIDA AI CONTI CORRENTI: IL CONTO TASCABILE DI CHEBANCA

GUIDA AI CONTI CORRENTI: IL CONTO TASCABILE DI CHEBANCA


chebanca2.gif

I “conti tascabili” ultimamente vanno molto di moda, tanto che oltre alle banche online, anche quelle tradizionali si sono attrezzate per contrastare efficacemente la concorrenza agita attraverso questi rapporti economici, pratici e completi. Il Conto tascabile CheBanca è, nella fattispecie, rappresentato da una carta ricaricabile multifunzione, utilizzabile per effettuare operazioni di pagamento, di prelevamento, di accredito dello stipendio, di addebito di bonifici, e così via, proprio come accade per i tradizionali conti correnti. Uno dei punti maggiormente di gradimento nell’offerta del Conto tascabile CheBanca è la possibilità di personalizzazione della tessera multifunzione. E’ infatti possibile scegliere – attraverso il pagamento di un piccolo sovrapprezzo – il colore preferito tra giallo, verde, azzurro, rosa, blu, argento e rosso. Il canone della carta multicolore, pari a 3 euro mensili, comprende inoltre una protezione contro le frodi. Anche in questo caso non si tratta di un’esclusiva di CheBanca, ma tale previsione è sicuramente apprezzabile in uno scenario di frodi bancarie sempre crescenti nella loro eterogeneità. Ma passiamo in rassegna più in dettaglio le caratteristiche della carta.

Collegamenti Sponsorizzati
 

Innanzitutto, è possibile ricaricarla fino a 50.000 euro: un importo che ci pare piuttosto elevato, e comunque sufficiente a rispondere adeguatamente alle esigenze di chi apre un simile rapporto bancario. Così come nell’ottica di tutte le carte ricaricabili, è possibile spendere esclusivamente l’importo presente sulla tessera (non vi è pertanto possibilità di fido o di sconfini). Le operazioni effettuabili sono quelle realizzabili attraverso il conto corrente e le carte multifunzione: dai prelevamenti ai pagamenti degli acquisti in Italia, all’estero e su internet; dall’accredito dello stipendio alla domiciliazione delle utenze; dalle ricariche del cellulare al pagamento di bollettini MAV e RAV. Inoltre, se il colore della carta per noi non rappresenta un problema, sarà possibile optare per una tessera “base” dal costo di un euro mensile. Per aprire questo rapporto bancario è necessario seguire lo stesso iter di apertura del Conto deposito CheBancaConto deposito CheBanca, al quale vi rimandiamo per ulteriori informazioni. Insomma, il conto tascabile di Che Banca ci convince abbastanza, e lo riteniamo una valida alternativa (peraltro abbinabile al conto deposito) per chi non ha necessità operative bancarie troppo complesse.

 

Voto: 7 ½ / 10

 

ANALISI DEI PRINCIPALI CONTI CORRENTI:

  1. Guida ai Conti Correnti: Il Conto tascabile di CheBanca

NOTE
In passato Roberto ha già affrontato il tema del conto corrente bancario
, mettendo a punto un'utile guida in dieci puntate sulle possibilità di risparmio nella gestione del conto corrente. Tra gli argomenti trattati, svariati consigli su come risparmiare sull'imposta di bollo, sulle spese di estratto conto e di gestione di bancomat e carte di credito (tradizionali e revolving). In più la guida tratta in modo semplice e preciso anche argomenti come il risparmio in relazione ai bonifici bancari, alla domiciliazione delle bollette domestiche su conto corrente e all'apertura e gestione di un conto deposito titoli

 

 

CREDIT
Si ringrazia l'utente Steve RhodesSteve Rhodes di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Investimenti

  • Prestiti

Assicurazioni

assicurazioni

Green Economy

greeneconomy

Innovazione

Innovazione

Politica e Società

ingranaggi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed