Martedi, 19 Giugno 2018

Eventi ed Iniziative

La Lampada a Micro Alghe Che Assorbe Più CO2 di Una Foresta

lampada micro alghe, emissioni CO2Qualche giorno fa abbiamo parlato della soluzione adottata in Inghilterra di depotenziare l'illuminazione stradale per risparmiare energia elettrica, costi e ridurre le emissioni di CO2. Oggi vogliamo parlarvi di una soluzione opposta, ovvero quella di installare lampade per ridurre la CO2. Sembra una pazzia, ma in realtà un progetto francese, pensato dall'Ingegnere Pierre Calleja si propone di fare proprio questo tramite l'utilizzo di particolari lampade che assorbono CO2. Queste lampade formate da un tubo fluorescente (ma possono avere anche altre forme) contengono un liquido e delle micro alghe che si nutrono di anidride carbonica, rilasciando ossigeno. Calleja che studia le alghe fin dal 1980 è convinto di aver trovato una soluzione geniale al problema delle emissioni di carbonio, in grado di combattere il riscaldamento globale in maniera più efficace rispetto a quanto fatto fin'ora.   

Add a comment

Risparmio Energetico: Luci Spente Nelle Strade Meno Trafficate?

Autostrada, illuminazione, risparmio energeticoLa sicurezza stradale è fondamentale e purtroppo casi di incidenti evitabili ci invitano a riflettere sul numero di tratti pericolosi non sufficientemente illuminati. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia: quante strade periferiche e poco trafficate nelle ore notturne sono eccessivamente illuminate? Quanta energia si spreca contribuendo al cosiddetto inquinamento luminoso?
E’ questo lo spunto di riflessione che ha ispirato un nuovo esperimento messo in atto nel Regno Unito: il governo inglese ha infatti reso noto l’intenzione di depotenziare l’illuminazione (o addirittura eliminarla del tutto) in alcune strade considerate di classe A, ovvero qualificabili come dorsali e strade intermedie. Si tratta di migliaia di km di asfalto.
Il piano di risparmio energetico e di emissioni di CO2, rilasciato dall’Agenzia Highway ha già al momento coinvolto 80 chilometri di rete autostradale.

Add a comment

Zeolite: il Minerale Che Produce Calore con l'Acqua, Presto Nelle Nostre Case

Zeolite, riscaldamentoLa zeolite è un minerale dalla struttura cristallina e microporosa caratterizzato da volumi vuoti interni ai cristalli che è in grado emanare energia termica, a contatto con l'acqua. Non si tratta di un minerale nuovo, in quanto fin dalla metà del 18° secolo Axel Fredrik Cronstedt ne aveva scoperto le caratteristiche, a partire dal processo inverso, ovvero che scaldando la zeolite era possibile ottenere grandi quantità di vapore acqueo. Ma perchè è importante questo minerale?
Semplicemente perchè sfruttando a dovere le peculiarità del minerale si può ottenere calore senza “troppi” sforzi, anche nelle nostre abitazioni ed in maniera ecologica (sebbene al momento non solo esclusivamente tramite la zoolite). A credere in questa possibilità è stata l'azienda Tedesca Vaillant, che ha progettato la prima pompa di calore alimentata a zeolite ed acqua (ZeoTherm) e che dovrebbe debuttare nei prossimi mesi sul mercato italiano.

Add a comment

Il Metano Dà Una Mano All'Effetto Serra

metano, emissioni, anidride carbonica, effetto serraIn Italia il Metano rappresenta il principale combustibile per il riscaldamento domestico e per l'utilizzo in cucina, sebbene come abbiamo visto ben 8 milioni di famiglie utilizzino il GPL come combustibile domestico. Un'interessante ricerca realizzata dall'Istituto di biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibimet-Cnr) e pubblicata sulla rivista Environmental PollutionEnvironmental Pollution ha analizzato a partire dal 2005 i flussi di gas serra prodotti nell'ambiente urbano sia dell'anidride carbonica (CO2) sia del metano (CH4). Dicevamo interessante perchè si tratta della prima ricerca in letteratura di questo tipo ed in più perchè il team di ricercatori è guidato dall'Italiano Beniamino Gioli. Il metano produce anidride carbonica, quanto utilizzato ad esempio per il riscaldamento, per effetto della combustione, ma ha anche un effetto diretto (o forse sarebbe meglio dire indiretto) sull'ambiente.

Add a comment

Incollando il PM10 Alla Strada Se Ne Riduce la Concentrazione Nell'Aria

qualità dell'aria, inquinamento, particolato, PM10Secondo l'ultimo rapporto “Mal D'aria” di Legambiente nello scorso anno ben 55 capoluoghi su 82 monitorati (il 67%) non hanno rispettato il limite di 35 superamenti l'anno del valore massimo di PM10 ammesso, oltre i quali sussistono rischi per la salute. Rischi tutt'altro che marginali visto che si calcola che in media ogni cittadino perda 9 mesi di vita a causa dell'esposizione al particolato.
Posto che gran parte del particolato è emesso dalle automobili e che le automobili a “zero emissioni”, cioè quelle elettriche sono una realtà in crescita ma molto lontana dall'insediarsi nelle nostre città, è chiaro che vada trovata una soluzione e anche alla svelta. Da questo punto di vista è interessante l'ipotesi avanzata dalla Regione Piemonte, che si propone di incollare il particolato sottile alla strada per evitare che si diffonda nell'aria.

Add a comment
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed