Martedi, 19 Giugno 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News ACQUA DI CASA MIA: CAMPAGNA COOP PER IL CONSUMO DI ACQUA DEL RUBINETTO, O PRODOTTA DA FONTI IN LOCO

ACQUA DI CASA MIA: CAMPAGNA COOP PER IL CONSUMO DI ACQUA DEL RUBINETTO, O PRODOTTA DA FONTI IN LOCO


coopacquadicasamia1010.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

La catena della grande distribuzione Coop ha avviato una campagna dedicata alla sensibilizzazione sull’utilizzo dell’acqua del rubinetto come acqua potabile, piuttosto che delle bottiglie acquistabili nei supermercati. Oppure di optare per confezioni d’acqua imbottigliata presso fonti vicine alla propria città per ridurre la distanza percorsa per il trasporto del prodotto.
Consumare acqua in bottiglia, infatti, comporta un notevole inquinamento: la stessa azienda informa, infatti, che il trasporto di 100 litri d’acqua per 100 chilometri produce emissioni nell’atmosfera pari a 10 kg di CO2. Si può dunque immaginare che grandi quantità di anidride carbonica si producono ogni giorno per il trasporto di tonnellate d’acqua per tragitti di norma ben superiori ai 100 chilometri. La stessa quantità d'acqua (100 litri) erogata, invece, attraverso il rubinetto comporta emissioni di CO2 pari ad appena 0,04 kg. Una differenza impressionante, soprattutto considerando che noi italiani beviamo in media 195 litri di acqua minerali a testa, risultando i primi in Europa e i terzi nel mondo dietro ad Emirati Arabi e Messico. Dalle fonti alla tavola il trasporto dell'acqua che nel nostro Paese avviene su gomma (come per la maggior parte delle merci) impiega ogni anni 480 mila tir. Ricordiamo inoltre che proprio recentemente l'Oms ha dichiarato l'acqua italiana sicuraOms
ha dichiarato l'acqua italiana sicura e che, stando alle stime Cra Nielsen negli ultimi quattro anni, oltre 7 milioni di italiani sono tornati a bere acqua del rubinetto.
La campagna “Acqua di casa mia” di Coop si articola in tre filoni informativi, per ognuno dei quali l’azienda offrirà delle interessanti notizie ai consumatori:

  • la situazione italiana delle acque erogate dal rubinetto

  • le caratteristiche specifiche e la mappatura delle acque minerali
  • gli sprechi idrici,
Dal punto di vista pratico, Coop ha attivato per questa campagna ecologica diverse iniziative mirate ad un maggiore rispetto dell'ambiente


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Già nello scorso anno, l'azienda ha diminuito la grammatura della plastica delle bottiglie della propria acqua con una percentuale variabile dal 17% al 20% in meno rispetto al 2007, un’operazione che ha consentito un risparmio in termini ecologici di ben 3300 tonnellate di CO2.
Con la stessa finalità, Coop ha raddoppiato le fonti di approvvigionamento (oggi sono 4) per diminuire le distanze di trasporto consentendo così di risparmiare ben 338 mila kg di emissioni di CO2 ogni anno.
Nei punti vendita Coop sarà inoltre possibile acquistare delle caraffe filtranti per uso domestico per consumare in casa l’acqua del rubinetto in totale tranquillità. Allo steso tempo Coop si impegnerà a fornire ogni informazione relativa alle acque minerali vendute presso i propri supermercati, affinchè, come auspicato, il consumatore possa scegliere l’acqua imbottigliata proveniente dalle fonti geograficamente vicine.
Come ha sottolineato il Presidente Consiglio di Gestione Coop Italia Vincenzo Tassinari, infatti, “Acqua in casa mia” non è una campagna “contro”, ma un progetto mirato a dare la consumatore tutti gli elementi per una scelta consapevole del prodotto.

[Via: CoopCoop ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 


CREDIT
Si ringrazia l'utente gfrphotogfrphoto di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed