Mercoledi, 24 Ottobre 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News CORPO FORESTALE DELLO STATO: AUMENTANO CONSIDEREVOLMENTE I SEQUESTRI DI ANIMALI E PIANTE PROTETTE

CORPO FORESTALE DELLO STATO: AUMENTANO CONSIDEREVOLMENTE I SEQUESTRI DI ANIMALI E PIANTE PROTETTE


tartaruga0102.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

L'Italia rappresenta uno dei più grandi mercati di articoli e prodotti derivati da specie animali e vegetali, con un giro d'affari a livello internazionale stimato in circa 100 miliardi di euro annui. Su questo mercato, entro i confini nazionali, vigila il servizio Cities del Corpo Forestale dello Stato per assicurare i necessari controlli per l'applicazione della Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna in via di estinzione , a tutela della conservazione delle biodiversità.
Nel corso del 2010 questi controlli del Cities hanno portato ad un aumento dei sequestri di esemplari di specie animali e vegetali protette dalla Convenzione di Washington, di oltre il 90% (sui dati 2009) per un valore complessivo di 2,95 milioni di euro. Degli oltre 40mila accertamenti, circa 1500 sono stati effettuati sul territorio nazionale e più di 39mila in ambito doganale. Le regioni in cui sono stati realizzati più controlli sono stati la Toscana e la Lombardia con rispettivamente 12.822 e 7.361 accertamenti (quasi il 50% del totale) Ciò si deve, soprattutto alla forte presenza in queste due regioni di diverse aziende manifatturiere e di lavorazione di tali prodotti, non per niente sono le due regioni italiane leader nel settore tessiledue
regioni italiane leader nel settore tessile.
Queste attività di tutela del cittadino e di risoluzione del commercio di traffici illeciti hanno portato complessivamente al sequestro di di 30mila confezioni tra integratori alimentari, medicine alternative orientali e cosmetici, 73 articoli in avorio e circa 3mila articoli di pellame di rettile. Oltre a a centinaia di pelli grezze di pitone e 29 chilogrammi di caviale di origine selvatica e 5 quintali di caviale contraffatto. I reati penali accertati nel contrasto al commercio illegale delle piante e degli animali tutelati dalla Convenzione di Washington sono stati 202, mentre gli illeciti amministrativi 277, per un totale di quasi 370 mila euro. Sono stati posti sotto sequestro 1333 animali vivi, 94 animali morti o parti, 2450 prodotti derivati da animali e 17.991 prodotti di pellame. Rispetto al 2009 si è registrato in aumento del 43% dei sequestri di animali vivi, del 90% ei sequestri di prodotti derivati da animali e del 93% dei sequestri di prodotti di pellame. E ancora i sequestri di mammiferi o di parti derivate sono stati 17850 (contro gli 839 del 2009), quelli di rettili sono stati 1445 (603 nel 2009), quelli di invertebrati 1302 (106 nel 2009) e quelli di piante o parti derivate 982 (375 del 2009).

 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Tra le operazioni più significative si segnalano l'operazione TRAM (febbraio 2010) e l'operazione TOSTOINO (aprile 2010). La prima volta al contrasto dei traffici illegali di prodotti della medicina tradizionale orientale derivati da specie animali e vegetali minacciate di estinzione, mentre grazie alla seconda alla quale è stata sgominata un'organizzazione dedita al prelievo in natura e al traffico di testuggini protette via internet. In particolare sono stati sequestrati più di 100 esemplari di tartarughe rare, richiuse dentro pacchi postali e spedite come oggetti, con zampe e code avvolte con nastro adesivo da imballaggio, per un valore di oltre 200mila euro.
Quello delle truffe telematiche che coinvolgono animali protetti è un campo in cui il Corpo Forestale dello Stato sta aumentando il proprio raggio d'azione. Oltre alla spedizione di animali che non possono essere detenuti, capitano anche situazioni in cui dopo il pagamento, il mittente non spedisca i prodotti, facendo leva sul fatto che i conti su sui perviene il denaro siano non tracciabili.
In chiusura ricordiamo che secondo il Rapporto Italia 2011, realizzato da Eurispes, il grado di fiducia nei confronti del Corpo Forestale si attesta al 64,6% dei consensigrado
di fiducia nei confronti del Corpo Forestale si attesta al  64,6% dei
consensi, in linea con quanto raggiunto dalle altre Forze di Polizia.

[Via: Corpo ForestaleCorpo Forestale ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

CREDIT
Sea FrostSea
Frost by flickr


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed