Sabato, 25 Novembre 2017

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie News LAMPADINE DA 75 WATT FUORI COMMERCIO, TRA DUE ANNI VENDIBILI SOLO QUELLE A BASSO CONSUMO

LAMPADINE DA 75 WATT FUORI COMMERCIO, TRA DUE ANNI VENDIBILI SOLO QUELLE A BASSO CONSUMO


lampadine75fuoricomue.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Lampadine da 75 Watt Fuori Commercio, tra Due Anni Vendibili Solo Quelle a Basso Consumo | Unione Europea |

Dal 1 settembre è scattato il divieto di commercializzazione delle  tradizionali lampadine da 75 Watt. Da tempo l’Unione Europea aveva stabilito che le tradizionali lampadine ad incandescenza dovessero essere eliminate dal mercato, nell’ottica del risparmio energetico e del rispetto dell’ambiente. Per questo passaggio epocale è stata programmata un’eliminazione graduale dalle vendite di tutte le lampadine di tipologia tradizionale. Nel settembre dell’anno scorso, infatti, è stato imposto il divieto di vendita delle lampadine da 100 Watt, quest’anno tocca invece a quelle da 75 Watt, mentre nei prossimi anni il passaggio sarà completato con l’eliminazione delle lampade da 60 Watt, nel settembre 2011, ed anche quelle da 40 e 25 Watt, nel settembre 2012.
Dal 1 settembre dunque i commercianti potranno vendere esclusivamente le lampadine da 75 Watt rimaste in giacenza in magazzino, ma non acquistarne di nuove per proporle alla clientela.
L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di diffondere l’utilizzo di lampade a basso consumo, precisamente LED, alogene o fluorescenti, che consentono di diminuire notevolmente le emissioni di CO2 e soprattutto sono ben più convenienti per i consumatori. A fronte della vecchia lampadina che converte in luce appena il 5% dell’energia consumata, le lampade a basso consumo utilizzano una quantità di energia inferiore dell’80% e possono durare fino anche a 10 volte la durata di una lampadina classica.
La Commissione Europea ha inoltre calcolato che sostituendo le normali lampadine si risparmierebbero 40 miliardi di kilowatt/ora all’anno, per un equivalente di 15 milioni di tonnellate di Co2. Il risparmio per il consumatore sarebbe ben tangibile sulla bolletta; sostituendo le vecchie lampade con quelle a basso consumo si risparmieranno all’incirca 50 euro l’anno.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Insomma, aldilà della totale uscita dal mercato che si completerà nel giro dei prossimi due anni, acquistare lampadine tradizionali (di ogni tagli di potenza) è decisamente sconsigliabile ai fini dell’economia domestica; le lampade alogene, fluorescenti o LED consentono di risparmiare discretamente sulla bolletta dell’energia, oltre che di contribuire notevolmente a diminuire l'impatto ambientale.
In chiusura ricordiamo che sul fronte del risparmio energetico l'utilizzo di dispositivi taglia stand bydispositivi
taglia stand by, per i nostri elettrodomestici può portare ad un risparmio del 10%. Allo stesso modo un utilizzo più attento degli elettrodomestici più comuni come ( frigoriferofrigorifero, lavatricelavatrice, lavastoviglielavastoviglie e televisoretelevisore ) magari nelle fasce orarie serali, quelle più economiche previste dalla tariffa biorariatariffa
bioraria, può fare la differenza in termini di risparmio e di impatto ambientale

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 


CREDIT
Si ringrazia l'utente Chuck “Caveman” CokerChuck
“Caveman” Coker di flickr per l'immagine



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed