Mercoledi, 19 Settembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Famiglia IL MINISTERO ECONOMICO PUBBLICA UN RAPPORTO SUL COSTO DI CITTADINANZA NELLE CITTÀ ITALIANE

IL MINISTERO ECONOMICO PUBBLICA UN RAPPORTO SUL COSTO DI CITTADINANZA NELLE CITTÀ ITALIANE


tiindennizzobpso.gif
http://www.wikio.it
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.
Il Ministero dello Sviluppo Economico Pubblica un Rapporto sul Costo di Cittadinanza nelle Città Italiane | Consumatori | Famiglie |

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato un'interessante rapporto sul costo di cittadinanza nelle città metropolitane, relativo al biennio 2008-2009. Questo documento è stato realizzato dalla Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico, con la collaborazione dell’IPI.
Il Costo di Cittadinanza è un indice costruito per rappresentare i costi sostenuti dalle famiglie per usufruire di alcuni servizi pubblici essenziali, quali trasporti locali, assistenza sanitaria di prossimità, servizi per l'infanzia, raccolta rifiuti, fornitura di gas, elettricità e acqua, oltre al versamento dei tributi (ICI, addizionali IRPEF). Alla base di questo indice di costo di cittadinanza c'è la consapevolezza che le famiglie, per le categorie di beni e servizi indicati, sono costrette a servirsi quasi esclusivamente dai fornitori locali. Questo significa che i consumatori sono soggetti ad uscite monetarie per certi bene e servizi, così come per alcune imposte, indipendentemente dalla qualità e dalle scelte personali, ma quasi unicamente in relazione al luogo di residenza. Per cui il Costo di Cittadinanza si connota per due elementi principali:

  • il carattere di territorialità del consumo
  • la limitata possibilità di sostituzione del servizio

Diventa interessante a questo punto analizzare quanto costa risiedere nelle principali città Italiane. Il rapporto prende in considerazione 14 aree metropolitane. Vediamo i principali risultati


RISULTATI PRINCIPALI  2008-2009
Nel periodo considerato una famiglia “tipo” (vedi box in fondo all'articolo) composta da due adulti ed un figlio a cui è associabile un profilo di consumo standard, ha sostenuto mediamente una spesa di 2981 euro, al netto delle imposte locali. Le differenze tra città e città sono però rilevanti. Il costo di cittadinanza escluse le imposte varia da un minimo di 2754 euro di Milano (-8%), che si rileva una delle città più economiche per quanto riguarda il costo di cittadinanza, fino ad un massimo di 3564 (+20%) di Cagliari. La cifra media cresce fino a 3620 euro con l'aggiunta delle addizionali Irpef regionali e comunali, confermando però Cagliari come città più cara (4140 euro) e Milano come località più a buon mercato (3165 euro). Tra le due città risultano ben 975 euro di differenza. In termini relativi medi si può dire che poco più del 10% del reddito della famiglia standard è stato assorbito da spese legate al luogo di residenza.
Il rapporto analizza in dettaglio le voci che vanno a definire le differenze nel costo di cittadinanza. Tra le fonti di spesa maggiormente soggette a variabilità territoriale si evidenziano i costi energetici (gas ed elettricità), i servizi idrici e i costi per la prescrizione di farmaci. Ad esempio a Cagliari il costo energetico totale tocca un picco di 2335 euro, contro i 1467 di Venezia. Questo è dovuto essenzialmente alla struttura poco estesa della rete di distribuzione del gas in Sardegna.
Nel complesso però non emerge un città metropolitana che presenta costi uniformemente più contenuti. Abbiamo visto che Cagliari è la città con il costo di cittadinanza più elevato, però dalle analisi risulta anche quella dove i ticket sui farmaci, gli asili nido, gli abbonamenti ai trasporti urbani ed i taxi sono tra i più economici. Allo stesso modo Milano, la città meno cara del rapporto, ha costi per servizi sanitari, trasporti urbani e taxi tra i più alti.


CONFRONTO CON GLI ANNI PRECEDENTI
Globalmente il costo relativo al 2008 (comprese le imposte) si attesta in media sui 3685 euro con un incremento del 7,7% rispetto al 2007. Il costo del 2009 invece fa risultare una flessione dell'1,8% rispetto al 2008.
Per quanto riguarda le posizioni nella classifica di costo, assistiamo ad una generale stabilità nel triennio considerato, fatta eccezione per Genova che passa dal sesto posto del 2007 al secondo del 2009, Catania che sale dal nono al quinto posto e Messina che scende dal terzo all'ottavo posto. La classifica ha ordinamento decrescente, dalla città più cara, a quella meno cara.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI


LA FAMIGLIA TIPO
La famiglia tipo presa in considerazione nel rapporto è composta, come abbiamo visto da due genitori ed un figlio, con meno di 4 anni che frequenta l'asilo nido per 11 mesi. Abita in un appartamento di proprietà di 80 mq situato in periferia e possiede un reddito complessivo di 36000 euro annui (equivalente ad un indicatore ISEE di circa 18mila euro). Nella caratterizzazione di un profilo standard sono previsti anche i seguenti consumi: 200 mc. di acqua, 1400 mc. di gas (riportato a potere calorico standard) e 2700 Kw/h di energia elettrica. La stessa famiglia si rivolge una volta l’anno al pronto soccorso (per un “codice bianco”), paga 23 ticket per medicinali e 4 ticket per analisi e visite specialistiche; acquista 48 biglietti di corsa semplice e 10 abbonamenti mensili per la rete di trasporti urbana; viaggia 5 volte l’anno in taxi (con corse di 5 km e sosta di 15 minuti ciascuna).


RIFERIMENTI

In chiusura segnaliamo che il rapporto sul costo di cittadinanza nelle città metropolitane disponibile per il download in formato pdf sul sito del Ministero Economico, a questo indirizzoquesto
indirizzo. Per chi fosse interessato, sempre sul sito del Ministero dell Sviluppo economico è disponibile anche il rapporto sul costo della cittadinanza nelle città metropolitanerapporto
sul
costo della cittadinanza nelle città metropolitane, relativo al 2007

 

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

Il Ministero dello Sviluppo Economico Pubblica un Rapporto sul Costo di Cittadinanza nelle Città Italiane | Consumatori | Famiglie |

 

 
CREDIT
Si ringrazia l'utente  Corey AnnCorey
Ann di flickr per l'immagine


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed