Mercoledi, 22 Maggio 2019

Back ECONOMIA Categorie Famiglia LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ANNUNCIANO UN 2010 CON 600 EURO DI RINCARI PER FAMIGLIA

LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ANNUNCIANO UN 2010 CON 600 EURO DI RINCARI PER FAMIGLIA


crisisimpson10.gif
Secondo le ultime ricerche di AdusbefAdusbef e FederconsumatoriFederconsumatori (rispettivamente Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi e Federazione nazionale di consumatori e utenti) sembrerebbe proprio che il 2010 non sia un anno particolarmente propizio per le famiglie italiane, che già devono “arrangiarsi” con l’attuale situazione economica. La denuncia partita dalle due associazioni si basa sulle stime che hanno previsto una somma di quasi 600 euro di spese in più per famiglia nei prossimi dodici mesi. Poco spazio quindi per brindisi e leccornie varie, perché poi ci sarà subito da tirare la cinghia, almeno secondo quanto sostenuto dai dati riportati nelle ricerche di Adusbef e Federconsumatori, che  evidenziano come solo la recente approvazione della manovra finanziaria del governo porterà rincari nelle case degli italiani per circa 120 euro. Questa somma di 120 euro è costituita da varie componenti : la prima si riferisce al comma 200, che prevede l’istituzione a partire dall’inizio del 2010 anticipazioni tariffarie di tre euro a passeggero su ogni biglietto aereo, che andrà a rimpinguare le tasse dei gestori aeroportuali, ma così le spese dei viaggiatori saliranno ad almeno 65 euro in un anno. Si continua con altre spese denunciate a gran voce dalle due associazioni, ovvero il contributo di 38€ che i cittadini devono pagare se vogliono ricorrere contro gli autovelox, e il contributo di 103,3€  per i lavoratori licenziati che vogliono ricorrere alla massimo corte di giustizia, la Cassazione.
Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Arrivando poi alle “faccende più o meno domestiche” le due associazioni fanno notare i vari aumenti tra gas, servizi idrici, carburanti, assicurazione e treni, che portano il totale dei rincari ad una cifra annua di 596 euro. Al grido di allarme lanciato dalle due associazioni a protezione dei consumatori, risponde prontamente il vice ministro dell’Economia, Giuseppe Vegas, che nega come si possa verificare un aumento tale nelle tasche degli italiani; più nel dettaglio, intervistato da SkyTg24SkyTg24 , Vegas afferma che sì, ci saranno dei rincari nei prossimi dodici mesi per le famiglie italiane, ma la colpa va ricercata nei prezzi stabiliti dal libero mercato e non nella Finanziaria.
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Assicurazioni

assicurazioni

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed