Sabato, 18 Agosto 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Consigli e Guide Guida Alle Agevolazioni Fiscali per il Risparmio Energetico

Guida Alle Agevolazioni Fiscali per il Risparmio Energetico


risparmio energetico, ristrutturazioni edilizie, efficienza energetica

Abbiamo visto che tra le varie misure della Manovra Salva Italia alcune hanno riguardato tematiche relative all'Ambiente. Tra queste anche la proroga per le detrazioni fiscali del 55% sugli interventi di riqualificazione energetica e quella relativa al bonus del 36% sulle ristrutturazioni edilizie.
Per cercare di chiarire meglio la situazione l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida : “Le Agevolazioni Fiscali Per Il Risparmio Energetico” in cui si sottolinea la normativa relativa alle detrazioni fiscali del 55% per le riqualificazione energetica alla luce degli ultimi aggiornamenti normativi.
Il primo punto importante da sapere riguarda il fatto che la detrazione fiscale del 55%, prevista dal legge finanziaria 2007, è stata, come detto, prorogata fino al 31 dicembre 2012, ma dal primo gennaio 2013 l'incentivazione sarà sostituita con una detrazione fiscale del 36%, pari a quella prevista per le spese di ristrutturazione edilizia.

Questa scelta di abbassare la percentuale di detrazione viene “compensata” dal fatto che le detrazioni per le ristrutturazioni edilizie come quelle relative al risparmio energetico entreranno in pianta stabile nel nostro ordinamento. Nello specifico questo passaggio viene reso possibile dall'introduzione nel Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986) dell’art. 16-bis (Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici). Ciò significa che le detrazioni non dovranno essere più prorogate ogni anno, come avveniva in passato con la legge di stabilità o con il decreto Milleproroghe tenendo sul filo del rasoio coloro che dovevano pianificare interventi di ammodernamento o di miglioramento dell'efficienza energetica dei propri immobili. Inoltre questa soluziona dovrebbe dare stabilità anche per ciò che riguarda i contenuti e le modalità di detrazione, che nel tempo hanno subito diverse modificazioni, ad esempio nel numero di ripartizione delle rate annuali, nella spesa da portare in detrazione, o ancora modificando la tabella dei valori limite della trasmittanza termica e prevedendo l'obbligo di invio di una comunicazione all'Agenzia delle Entrate quando i lavori superavano l'anno di imposta.


LA DETRAZIONE FISCALE DEL 55%
Con la conversione in legge della manovra, la detrazione è stata estesa alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda.
Per il resto ricordiamo che le riduzioni dall'Irpef e dall'Ires riguardano gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, ad esempio tramite la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, il miglioramento termico con l'istallazione di finestre, infissi, pavimenti. E ancora l'installazione di pannelli solari o la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
I limiti di importo sui quali calcolare la detrazione variano in funzione del tipo di intervento e vanno da un minimo di 30 mila euro di detrazione massima per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, ad un massimo di 100 mila euro per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti.
Ricordiamo infine che possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti (e non residenti), anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento. Nello specifico hanno diritto alla detrazione le persone fisiche (condomini, inquilini, proprietari,), le società di persone o di capitali, le associazioni tra professionisti e gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale. Per tutte le altre informazioni vi rimandiamo alla guida dell'Agenzia delle Entrate disponibile a questo indirizzoquesto indirizzo.
 
Attivati subito
RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed