Mercoledi, 24 Ottobre 2018

Back ECONOMIA Categorie Lavoro Cresce la Fiducia Nelle Aziende Del Manifatturiero, Cala Invece in Commercio, Servizi e Costruzioni

Cresce la Fiducia Nelle Aziende Del Manifatturiero, Cala Invece in Commercio, Servizi e Costruzioni


ingranaggi2601.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

L’Istat ha pubblicato i dati relativi ad una ricerca sul “clima di fiducia” che caratterizza i vari settori dell’economia, precisamente quelli dei servizi, del commercio, delle imprese manifatturiere e delle costruzioni.
Per ogni singolo ambito economico, l’Istat ha calcolato il clima di fiducia sulla base di precisi parametri, che elenchiamo nel dettaglio:

 

  • Settore servizi – In questo settore il calcolo è stato effettuato considerando tre parametri: giudizi e attese degli ordini e tendenza dell’economia.
  • Settore commercio – Clima di fiducia calcolato sulla base dei giudizi sulle vendite, sulle attese a tre mesi sulle vendite e dai giudizi sulle scorte (con segno invertito).
  • Settore costruzioni – Il clima di fiducia è stato calcolato sulla base dei giudizi sul livello degli ordini e/o piani di costruzione e le attese circa l’occupazione presso l’impresa.
  • Settore manifatturiero – Il calcolo del clima di fiducia si è basato sull’elaborazione matematica di tre parametri, ovvero giudizi sul livello degli ordini, sul livello delle scorte di magazzino e attese sul livello della produzione.

Nel settore servizi, il clima di fiducia fa registrare una diminuzione sia rispetto all’anno 2010 che rispetto allo scorso mese, ovvero febbraio 2011, con un punteggio di 97,9. Quanto ai dettagli settoriali, il livello di fiducia più basso registrato nell’ultimo mese è quello del settore “trasporti e magazzinaggio”, (90,2) seguito da “servizi alle imprese e altri servizi” (93,1) e “informazione e comunicazione” (102,6%). Il punteggio più elevato è quello del settore “servizi turistici” (105,7).
Nel dettaglio territoriale, il clima di fiducia più elevato si è registrato al Centro, con 100,3, seguito dal Nord-Ovest (98,2), dal Mezzogiorno (98) e dal Nord-Est (97,2).
Anche nel settore commercio si registrano dei cali, sia rispetto allo scorso anno che rispetto al febbraio 2011, con un punteggio di 100,4. Il clima di fiducia è maggiore nella distribuzione tradizionale (107,6), rispetto a quello della grande distribuzione (95).
Quanto al settore manifatturiero, si registra una crescita che si protrae da diverso tempo, e che ha oggi raggiunto quota 103,8. 


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Il maggior punteggio è quello che caratterizza i cosiddetti “beni intermedi” (107,1%), seguito dai beni di consumo (100,3) e dai beni strumentali (99,1). In questo ambito il clima di fiducia più basso è quello del Mezzogiorno, con 92, seguito dal Centro con 101,6% e dal Nord Est con 103,5%, al primo posto si colloca il Nord Ovest con 103,8.
Nel settore costruzioni, dopo una lieve ripresa che ha caratterizzato il 2010 dopo il picco negativo precedente, cala nuovamente il livello di fiducia, pari oggi a 79. Il punteggio più elevato è quello relativo ai lavori di costruzione specializzati, con 86,4, seguito dal settore ingegneria civile con 73,6 e da quello riguardante la costruzione di edifici, con 70,5.
Secondo quanto emerso, dunque, il settore in cui vi è il miglior clima di fiducia è quello manifatturiero, seguito dal commercio, dal settore servizi e da quello delle costruzioni, ancora in evidente difficoltà.

[Via: IstatIstat ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631
RISORSE:

blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed