Sabato, 25 Novembre 2017

Back TECNOLOGIA Categorie Linux GRUB SPARITO? ECCO COME RIPRISTINARLO CON AUTO SUPER GRUB

GRUB SPARITO? ECCO COME RIPRISTINARLO CON AUTO SUPER GRUB


autosupergrub.gif
Grub Sparito? Ecco Come RIpristinarlo Con Auto Super Grub | Ubuntu | LInux | WIndows |

A meno di quindici giorni dal rilascio della nuova versione di Ubuntu (9.10 Karmic Koala), vorrei affrontare uno di quegli argomenti che gettano spesso nel panico i neofiti del sistema operativo targato Canonical, ovvero la sparizione di Grub. GRUB è un boot loader utilizzato da molte distribuzioni linux, compreso ubuntu, che permette all'avvio del pc, dopo il caricamento del bios, la scelta dei vari kernel/sistemi operativi presenti sul computer. La scomparsa di Grub avviene solitamente dopo aver reinstallato Windows sulla partizione dedicata o hard disk. Solitamente , infatti, al primo riavvio che completa l'installazione, windows parte subito dopo il caricamento del bios, senza permettere la scelta del sistema operativo e gettando l'ignaro utente nel panico/disperazione. In realtà Ubuntu non se ne è andato, semplicemente il MBR (Master Boot Record) di Windows sostituisce Grub e attiva in automatico il sistema operativo Microsoft installato. Il ripristino dello status quo e quindi il ritorno di Grub non è un operazione complicata, vediamo come fare. Premetto che esistono diversi modi per ripristinare Grub, ma io mi soffermerò solo su due sistemi:

  • Il Sistema superfacile (spiegato)

  • Il Sistema Classico (accennato con rimando alla wiki)

Collegamenti Sponsorizzati

IL SISTEMA SUPERFACILE

Come è intuibile questa modalità è da preferire sopratutto se siete neofiti e/o se non avete tempo da perdere, in quanto richiede 10 minuti (Anche meno) ed è realizzabile direttamente da Windows. Il Nostro salvatore si chiama Super Grub Disk. Questo programma permette il ripristino di Grub con diverse modalità, possiamo masterizzare un immagine su un cd, far partire il programma da floppy o penna usb e possiamo scaricare Auto Super Grub for Windows. Questa ultima soluzione è decisamente la più semplice. Scarichiamo il programma (4.71 Mb) e lo installiamo su Windows, seguiamo le istruzione in italiano , selezioniamo l'hard disk ed in seguito riavviamo. Al riavvio potremo scegliere se avviare il nostro sistema operativo Windows o Auto Super Grub. Scelto Auto Super Grub e atteso qualche secondo un simpatico elenco di opzioni in stile bios ci chiederà cosa vogliamo fare. L'elenco è in Inglese ma piuttosto intuitivo . Tra queste scegliamo con le frecce della tastiera:

GRUB => MRB & Linux (1) Auto :-)

A questo punto Auto Super Grub caricherà il nostro vecchio Grub, chiedendoci quale sistema operativo/kernel vogliamo attivare. Selezioniamo il nostro kernel Ubuntu e vediamo se è tutto ok. Tutto dovrebbe essere filato liscio per cui ora non ci rimane che riavviare il pc e selezionare da Grub il nostro sistema operativo Windows. In questa fase Auto Super Grub è ancora installato, tuttavia non appena caricato windows (operazione che durerà qualche secondo in più del solito), Auto Super Grub verrà automaticamente disinstallato e tutto tornerà alla normalità.


IL SISTEMA CLASSICO

Il sistema classico presuppone una certa dimestichezza con il terminale di ubuntu e il cdlive della distribuzione. Se non avete il cdlive dovrete procurarvelo masterizzando l'immagine scaricata da ubuntu.it. Non è necessario avere il cdlive della stessa distribuzione installata. Questa soluzione prevede come unico ostacolo l'individuazione di Grub sul nostro/i hard disk(s), operazione che potrebbe richiedere qualche tentativo. In ogni caso per ulteriori informazioni vi rimando alla wiki ufficiale di ubuntu.it in italianowiki ufficiale di ubuntu.it in italiano . Se non dovesse riuscirvi il ripristino tramite terminale, considerate il ricorso ad Auto Super Grub. Non sarete dei puristi ma giuro che non lo dico a nessuno!



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Investimenti

investimenti

Famiglia

famiglia

Green Economy

greeneconomy

Consumatori

consumatori

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed