Martedi, 11 Dicembre 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Riflessioni Abusivismo, Scarichi Fognari e Pesca Illegale Mettono in Ginocchio i Nostri Mari

Abusivismo, Scarichi Fognari e Pesca Illegale Mettono in Ginocchio i Nostri Mari


mari italiani, abusivismo edilizio, coste

Il mare italiano è una delle nostre principali risorse, ma è al tempo stesso un “magnifico mare di illegalità”. A riferirlo è l'annuale rapporto Mare Nostrum di Legambiente secondo cui nello scorso anno sono stati accertati da Forze dell'Ordine e Capitanerie di porto ben 13.149 reati a danni del mare, 26 ogni giorno e quasi 2 ogni chilometro. La situazione è ben peggiore di quella descritta lo scorso anno quando le infrazioni furono 11.815 (+11,3%). Come lo scorso anno e gli anni precedenti, le regioni del Sud, quelle che hanno i paesaggi costieri più suggestivi, sono anche quelle dove si registrano più reati. In testa troviamo la Campania con il 18% del totale nazionale dei reati ambientali (2.387 infrazioni) seguita a ruota da Sicilia (1.981 infrazioni), Puglia (1.633 infrazioni) e Calabria (1.528 infrazioni). Queste quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa da sole sommano oltre il 57% del totale nazionale dei reati.

Il nemico numero uno delle nostre coste è l'abusivismo edilizio, un comparto che continua a prosperare nonostante la crisi dell'edilizia e tutte le lotte e le denunce contro il mattone illegale. Solo nel 2011 i sequestri delle forze dell'ordine sono stati 1.298, in media 3,5 al giorno e secondo i dati del Cresme in 12 mesi (considerando sia mare, che campagna e città) sono stati messi a segno 25.800 abusi edilizi di rilevanti dimensioni, pari al 13,4% del totale costruito.

Tra il 2003 (ultimo anno previsto dal condono edilizio) e il 2011 sono stati ben 258 mila gli abusi censiti dal Cresme, per un giro d'affari stimato da Legambiente di circa 18,3 miliardi di euro.
A sfregiare le nostre coste non è solo il cemento abusivo, ma anche il “mare negato”, quello reso inaccessibile dai lidi e dagli stabilimenti che occupano l'arenile, in virtù di concessioni generosi.
Un altro dei problemi dei nostri mari e delle nostre acque riguarda il sistema di depurazione che è gravemente insufficiente. Il servizio, secondo i dati Istat, arriva a coprire si e no metà della popolazione e tra le regione messe peggio troviamo: Sicilia (47,3%), Calabria (49,9%), Marche (52,5%), Abruzzo (53,8%) e Puglia che supera di poco il 60%. L'Italia “sulla carta” depura in media il 76% delle acque, ma in realtà sono molti gli impianti che funzionano male o per niente. Ad inquinare, poi si aggiungono anche gli scarichi non allacciati alla rete fognaria che vanno direttamente nei corsi d'acqua e gli sversamenti industriali illegali.
Una situazione inaccettabile, soprattutto se si pensa che l'Italia dopo 21 anni non si è ancora adeguato alla direttiva 271 del 1991 in tema di depurazione delle acque.
Altro grosso problema è quello della pesca illegale, con ben 4.936 infrazioni accertate dalla capitaneria di porto nel corso del 2011, per un incremento del 182% rispetto all'anno precedente.
É triplicato il numero delle persone denunciate, mentre il numero dei sequestri è più che raddoppiato.
Il rapporto Mare Nostrum 2012 può essere scaricato sul sito di Legambiente a questo indirizzoquesto indirizzo.
468x60 Trova offerte sotto 60 euro

RISORSE:

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

 

CREDIT
G u i d oG u i d o by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed