Lunedi, 23 Aprile 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Riflessioni LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN EUROPA: SOLO IL 24% VIENE RICICLATO

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN EUROPA: SOLO IL 24% VIENE RICICLATO


riciclaggio0803.gif
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

Nell'Unione Europea (a 27 paesi) sono stati prodotti nel 2009 in media 513 kg di rifiuti urbani a persona, con all'estremo, da un lato i 316 kg della Repubblica Ceca e dall'altro gli 833 kg della Danimarca. Queste dati derivano dall'ultimo rapporto Eurostat sulla gestione dei rifiuti urbani nell'Unione Europea. Si ricorda che vengono considerati rifiuti urbani, i rifiuti prodotti dalle famiglie, ma anche quelli dalle piccole imprese se simili (ad esempio le famiglie produttrici), mentre non sono considerati tali i rifiuti provenienti da agricoltura ed industria.
Secondo l'ufficio statistico in media sono stati trattati 504 kg di rifiuti urbani a persona, di cui il 38% è stato portato in discarica, il 20% incenerito, il 24% riciclato e il 18% sottoposto al processo di compostaggio.
La quantità di rifiuti urbani generata varia notevolmente tra gli Stati Membri. Al vertice, come detto, troviamo la Danimarca, seguita da Cipro con 778 kg di rifiuti a persona, dall'Irlanda con 742 kg, dal Lussemburgo con 707 kg, da Malta con 647 kg e dai Paesi Bassi con 616 kg.
Austria (591 kg), Germania (587 kg), Spagna (547 kg), Italia (541 kg), Francia (536 kg) e Regno Unito (529 kg), producono una quantità di rifiuti urbani per persona compresa tra i 500 e i 600 kg all'anno. Mentre  Belgio (491 kg), Portogallo (488 kg), Svezia (485 kg), Finlandia (481 kg), Grecia (478 kg), Bulgaria (468 kg), Slovenia (449 kg) e Ungheria (430 kg) si attestano ad un livello di rifiuti urbani compreso tra i 400 e i 500 kg a persona.
Valori al di sotto dei 400 kg a persona si sono registrati oltre che in Repubblica Ceca, in Polonia (316 kg), Lettonia (333 kg), Slovacchia (339 kg), Estonia (346 kg), Lituania (360 kg) e Romania (396 kg).
Per quanto riguarda le modalità di trattamento dei rifiuti gli stati membri con la più alta quota di rifiuti urbani smaltiti in discarica sono stati la Bulgaria (100% dei rifiuti trattati), la Romania (99%), Malta (96%), Lituania (95%) e Lettonia (92%).
Le percentuali più elevate di rifiuti urbani inceneriti si sono registrate invece, in Svezia (49% dei rifiuti trattati), in Danimarca (48%), nei Paesi Bassi (39%), in Lussemburgo (36%), in Belgio (35%), in Germania e in Francia (34%). Mentre in dieci stati membri la pratica dell'incenerimento ha riguardato poco meno dell'1% del totale dei rifiuti trattati.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



L'opzione riciclaggio è molto diffusa in Germania, dove il 48% dei rifiuti urbani viene riciclato, in Belgio e Svezia (entrambe con il 36% di rifiuti riciclati), in Slovenia e Danimarca (entrambe al 34%) e in Irlanda e Paesi Bassi (entrambe al 32%). Gli stati membri con i tassi di compostaggio più alti sono stati invece l'Austria (40%), l'Italia (32%), i Paesi Bassi  (28%), la Spagna e il Belgio (entrambe al 24%) e il Lussemburgo (20%),
Riciclaggio e compostaggio rappresentano il 50% dei rifiuti urbani trattati (o più) in Austria (70%) Germania (66%), Paesi Bassi (61%), Belgio (60%) e Svezia( 50%), mentre in sette Stati membri queste modalità di trattamento non raggiungono il 10%.
In Italia la parte di rifiuti urbani non sottoposta a compostaggio viene per il 45% posta in discarica, per il 12% incenerita e per l'11% riciclata.

[Via: EurostatEurostat ]

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631

RISORSE:

 

 

CREDIT
Criativa PapelCriativa
Papel Arte by flickr



blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Famiglia

famiglia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed