Giovedi, 21 Giugno 2018

Back RISPARMIO ENERGETICO Categorie Solare SOLARE MENO CARO DEL CARBONE DAL 2010

SOLARE MENO CARO DEL CARBONE DAL 2010


Image

Per un motivo o per l'altro finiamo sempre a parlare di carburanti e soci, sta diventando quasi un'ossessione,  ma mentre i soci sono in sciopero per motivi a me oscuri (contro le liberalizzazioni del governo ndr), gli altri, i carburanti "approfittano" della pausa per rincarare un po' i prezzi. Tuttavia invece che inveire contro il sistema preferisco spendere qualche parola su un articolo interessante riportato dal IlSole24oreIlSole24ore e altri in questi giorni. Pare proprio, infatti che i tempi siano maturi per la riscossa del solare sullo "sporco" carbone, almeno per ciò che riguarda i costi globali per kw dell'energia elettrica prodotta. A sostenerlo ovviamente non siamo noi, ma le previsioni della società Photon ConsultingPhoton Consulting che stimano nel 2010, l'anno in cui potrebbe avvenire questo sorpasso in termini di costi globali.

 

Collegamenti Sponsorizzati

Entro la fine del decennio, infatti, Il costo del kw scenderà a 18 centesimi di dollari in Germania ed in alcuni paesi dove il sole è presente in gran quantità e per la gran parte dell'anno (come in Spagna o in California e speriamo Italia) sarà compreso tra i 12 e i 13 centesimi. Le più oculate aspettative prevedono un ulteriore abbattimento di questi costi, fino a 10 centesimi di dollaro, per tre motivi fondamentali. Innanzitutto si assiste ad un miglioramento dell'efficienza tecnologica delle celle fotovoltaiche grazie soprattutto agli investimenti in ricerca e sviluppo. Il secondo contributo alla riduzione dei costi deriva dagli effetti delle economie di scala derivanti dall'espansione del mercato fotovoltaici. Da ultimo si segnala un'integrazione verticale delle azionde operanti nel settore, sempre più propense ad investire nella produzione di energia solare. Gli effetti di questi tre fattori possono portare a ridisegnare, viene fatto notare dalle previsioni della Photon Consulting, l'intera distribuzione della produzione di energia elettrica e non sapete come vorremmo che non si sbagliassero (soprattutto se avvenisse nella realtà italiana). Va fatto inoltre notare come gli interventi pubblici abbiano contribuito e stiano contribuendo, nei diversi paesi, alla realizzazione di questo scenario, si pensi, infatti, agli effetti sulla produzione di energia fotovoltaica che, finanziamenti come il conto energia, hanno portato in Germania o anche In Italia. Concludo augurandomi e augurandoci che questi esperti non si sbaglino e che il futuro sia più verde possibile, il carbone, semmai, lo ricicleremo (c'è sempre una prima volta) per i bambini cattivi il giorno della befana!

LINK UTILI


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ecocar

  • Consigli e Guide

  • Ultime Solare

  • Eolico

  • Biomasse

Edilizia

edilizia

Energia

energia

Lavoro

Lavoro

Incentivi

incentivi

Consumatori

consumatori
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed