Domenica, 18 Novembre 2018

Back ECONOMIA Categorie Trasporto Pubblico LE FERROVIE ITALIANE NON RAGGIUNGONO GLI STANDARD MINIMI DI SERVIZIO: LA PROTESTA DEI CONSUMATORI

LE FERROVIE ITALIANE NON RAGGIUNGONO GLI STANDARD MINIMI DI SERVIZIO: LA PROTESTA DEI CONSUMATORI


trenifederconsumatoristandard.gif
Le Ferrovie Italiane non Raggiungono gli Standard Minimi di Servizio: la Protesta dei Consumatori | Ritardi |

Hanno fatto infuriare tutte le associazioni dei consumatori: stiamo parlando degli scorsi dodici mesi, che per i passeggeri delle ferrovie sono da ricordare. Il ricordo però è tutt'altro che piacevole, visto che tra ritardi, attese e risarcimenti mancati, il 2009 è stato uno degli anni più travagliati per le ferrovie italiane. Probabilmente sono stati battuti tutti i record di ritardi possibili e immaginabili, inoltre molte volte i risarcimenti sono arrivati oltre i termini, o sono proprio mancati. La critica arriva forte e ferma da due delle più famose e importanti associazioni che tutelano i diritti dei consumatori: stiamo parlando di Adusbef e Federconsumatori. Per voce dei due presidenti, rispettivamente Elio Lannutti per Adusbef e Rosario Trefiletti per Federconsumatori, le associazioni sottolineano un servizio che si avvicina ben poco alle aspettative dei passeggeri. Le due associazioni fanno notare come Trenitalia abbia fatto qualche furbata di troppo: ad esempio, gli stratosferici ritardi sono stati mascherati giustificandoli come avvenuti per cause di forza maggiore e in questo modo non ha dovuto risarcire i passeggeri.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI



Oppure, ancora, Trenitalia non applica nel modo più idoneo il nuovo Regolamento Europeo in tema di passeggeri e treni, visto che ai ritardi che rientrano nei 60 minuti non viene comunque dato un risarcimento. Sono due questioni da porre all'ordine del giorno, quantomeno, e da risolvere al più presto. I presidenti di Adusbef e Ferderconsumatori mettono sull'attenti Trenitalia: altrimenti, se la situazione non dovesse cambiare entro tempi brevi, le due associazioni agiranno per vie legali. L'obiettivo è quello di far cessare tutte le scorrettezze e le beffe che stanno subendo i cittadini italiani, ma anche ripristinare un rapporto, quello tra utenti e ferrovie, da tempo ormai in caduta libera. Il suggerimento o l'invito, chiamatelo come volete, da parte delle due associazioni, è quello di trovare soluzioni più adeguate al pendolarismo, ma anche per quanto riguarda l'innovazione tecnologica e la sicurezza.


[Via: FederconsumatoriFederconsumatori]

 

RISORSE:


CREDIT
Si ringrazia l'utente Night-thingNight-thing di flickr per l'immagine

 


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed