Giovedi, 19 Ottobre 2017

Back ECONOMIA Categorie Viaggi e Turismo Vacanze: il 55% Degli Italiani Non vi Rinuncia, Ma Si Riducono Durata e Spesa Media

Vacanze: il 55% Degli Italiani Non vi Rinuncia, Ma Si Riducono Durata e Spesa Media


Vacanze, federalbreghi, mare, crisi economica
Federalberghi ha pubblicato i dati relativi al turismo estivo dei cittadini italiani, il quale, per via della crisi, che ha diminuito le disponibilità economiche delle famiglie, ha subito dei significativi cambiamenti.
Sulla base di quanto emerso dalla ricerca, che è stata effettuata dall'’associazione in collaborazione con l'l’istituto ACS Marketing Solutions su un campione di 1.200 unità, la percentuale di italiani che durante l'’estate si concederà una vacanza risulta essere ancora discreta: circa il 55% del totale infatti trascorrerà almeno una notte fuori di casa.
Il dato in questione corrisponde a più di 33 milioni di persone, e risulta essere in leggero calo rispetto a quello del 2010, quando in estate viaggiarono il 55,2% degli italiani.

Il mese di agosto rimane quello più gettonato, anche se sono in forte crescita le prenotazioni in bassa stagione, dunque quelle nei mesi di giugno e settembre, ovvero i periodi in cui i pernottamenti ed i servizi hanno in genere un costo molto minore.
Un altro dato che può certamente essere messo in relazione con la minore disponibilità finanziaria degli italiani è quello che sottolinea una crescita delle prenotazioni presso le località nostrane, 78% contro il 70% dello scorso anno; i viaggi presso località esotiche dunque si riducono notevolmente.

Chi opta per l'estero predilige, infatti, le grandi capitali europee rispetto ai mari tropicali, con le prime che raccolgono il 51,9% della domanda (era il 44,6% lo scorso anno), conto il 13,4% di preferenze dei mari esotici (era il 22% lo scorso anno).
Inoltre, nell’'estate 2011 gli italiani hanno ridotto anche la durata dei loro soggiorni fuori casa: in media si trascorreranno fuori casa 11 giorni, ovvero uno in meno rispetto all'’anno precedente. Anche la spesa media, rispetto al 2010, risulta in calo: per questa estate gli italiani, infatti, spenderanno 776 euro complessivi tra alloggio, vitto, divertimenti e spese di ogni tipo, ovvero il 9% in meno rispetto allo scorso anno, quando la cifra media ammontava a 853 euro.
La cifra risulta abbondantemente inferiore a quella estera, dove la spesa media pro capite per le vacanze estive supera, di poco, i mille euro.
Tra le mete preferite prevale sempre il mare, scelto dal 70% di chi parte, segue la montagna con il 15,7% (in calo rispetto al 17,4% del 2010) e le località d'arte con il 3,6% (rispetto all'1,9% del 2010).
Per i cittadini che non si sposteranno da casa, invece, la loro rinuncia alle vacanze estive è dovuta proprio la scarsità di disponibilità economiche (per il 42,8% del campione), anche se il 15,5% degli intervistati ha affermato di andare in vacanza in altri periodi dell’'anno.
Insomma, l’'aumento del numero di italiani che trascorreranno delle vacanze in questa estate non deve trarre in inganno: il settore turistico risente ancora fortemente della crisi, e l’'esigenza di risparmiare sui pernottamenti fuori casa è tutt’altro che superata. 
 
468x60 Trova offerte sotto 60 euro

RISORSE

   

Importo  € Durata mesi
Finalità Anno di nascita  
PrestitiOnlinePrestitiOnline è un servizio di CreditOnline Mediazione Creditizia S.p.A.
P. IVA 06380791001 - Iscrizione Albo Mediatori Creditizi presso Banca d’Italia n°631


blog comments powered by Disqusblog comments powered by Disqus
  • Ultime Lavoro

  • Fisco e Tasse

  • Scuola ed Istruzione

  • Politica e Società

Alimentari

alimentari

Energia

energia

Green Economy

greeneconomy

Case ed Immobili 

immobili

Risparmio

moneybox
Facebook
Twitter
Rss
FriendFeed